Messina-Corigliano 6-0: segnano Corona, Pepe, Paez, Bonanno (2) e Bezziccheri

Terza e ultima amichevole pre campionato a Camigliatello per il Messina, che al “Barone Collice” affronta il Corigliano, squadra che milita in Eccellenza calabrese. Grassadonia conferma il 3-5-2 con Iuliano tra i pali, difesa composta Temporini, Altobello e Silvestri, centrocampo con Benvenga ed Esposito sulla fasce, Izzillo davanti alla difesa, Nigro e Vincenzo Pepe. In attacco tandem Camarà-Corona. Non impiegati gli acciaccati Bjelanovic ed Enrico Pepe. A riposo anche Hoxhaj, Stampa e Parisi. L’amichevole si disputa su due tempi da 45 minuti, non tre da trenta come le precedenti due. Arbitra, come ormai tradizione, l’allenatore in seconda dell’Acr Messina Vincenzo Criscuolo. Presente a bordo campo il patron Pietro Lo Monaco che segue la gara con il direttore sportivo Fabrizio Ferrigno.

Bonanno in azione

Bonanno in azione

Prima occasione al 12′ per il Messina con Camarà che, sugli sviluppi di un corner di Benvenga, trova la zampata ma la sfera tocca la traversa e poi si spegne sul fondo. E’ l’antipasto del gol che arriva al 14′: bella iniziativa solitaria di Camarà partendo dalla sinistra, assist per Corona che stoppa spalle alla porta e insacca senza problemi. E’ ancora il capitano, immortale, ad aprire le danze. Tentativo di reazione del Corigliano al 18′ con un tiro dalla distanza di Heis senza troppe pretese. Occasione chiara per il Messina al 20′: angolo di Pepe, Silvestri in tuffo arriva con puntualità ma la mira non è ottimale. Al 26′ cross dalla trequarti destra di Staffa, non perfetta l’uscita di Iuliano, Lorenzoni prova ad approfittarne ma il palo gli nega la gioia del gol. Il raddoppio dell’ACR arriva alla mezz’ora: Pepe riceve a limite dell’area, fa fuori Staffa con una finta e poi con un diagonale preciso di sinistro insacca. Un minuto dopo vicino alla terza marcatura Izzillo, fermato anche lui dal legno. Sulla ribattuta imprecisa la conclusione di Pepe. Diversi gli schemi su calcio piazzato provati, uno da corner porta Pepe vicino alla personale doppietta dopo uno scambio con Camarà. Perri si oppone bene.

Silvestri in marcatura

Silvestri in marcatura

Tanti cambi ad inizio ripresa, Grassadonia ne effettua ben sei. Lagomasini tra i pali, in difesa trovano spazio De Bode (molto incisivo nelle chiusure aree), Altobello e Donnarumma, Silvestri si schiera largo a destra con Esposito sull’altra corsia. In mezzo Bucolo con Izzillo e Aliperta, in attacco si rivede il sudamericano Paez al fianco di Corona. Proprio la seconda punta venezuelana trova la rete del 3-0 in apertura con una bella giocata aerea, una mezza girata che si insacca alla destra di Perri. Sfiora il gol anche Bucolo, che calcia benissimo ma la sua conclusione si stampa all’incrocio dei pali. Il 4-0 arriva al 16′ su rigore procurato e trasformato da Bonanno. Bellissima l’azione in contropiede che porta al 5-0: numero di Paez che lancia Bezziccheri, bellissimo il lancio di quest’ultimo per Bonanno che calcia con precisione di sinistro ed insacca. Ed è di pregevole fattura anche la rete del 6-0 firmato da Bezziccheri, che afferra la sfera dai 25 metri e lascia partire una traiettoria velenosa che si insacca all’angolino. Paez sfiora la doppietta su una palla tagliata di Aliperta, ma da pochi passi spara alto. Finisce 6-0.

MESSINA-CORIGLIANO 6-0

Lagomarsini fa ripartire l'azione

Lagomarsini fa ripartire l’azione

Marcatori: 14′ Corona, 30′ Vincenzo Pepe, 3’st Paez, 13’st Bonanno (rig.), 23’st Bonanno, 29′ st Bezzicheri

MESSINA: Iuliano (1’st Lagomarsini), Benvenga (1’st Donnarumma), Silvestri, Izzillo (20’st Migliore), Temporini (1’st De Bode), Altobello (25’st Sciotto), Camarà (1’st Paez), Nigro (1’st Bucolo), Corona (6′ st Bonanno), V. Pepe (1’st Aliperta), Esposito (20st’ Bezziccheri). All. Grassadonia

CORIGLIANO: Perri (16’st Reda), Staffa, Chiappeta (34’st Prestia), Morana (1’st Caddeo), Heis, Stillitano Stamato, Tozzo (13’st Caputo), Lorenzoni (1′ st Salerno), Barilari (9’st Yousuf), De Rose (11’st Pescko, 40’st Cris). All. Germano

Commenta su Facebook

commenti