Merì – Rocca dura solo 20 minuti, grave infortunio al centrocampista Antonio Biondo

La partita giocata in ora serale allo stadio D’Alcontres fra Merì e Rocca di Caprileone è stata sospesa a causa dell’infortunio subito dal centrocampista Antonio Biondo del Merì. Al minuto 21 nello scontro di gioco con Marco Caserta, il giocatore ha avuto la peggio. Allo stadio non era presente l’ambulanza, per cui il giocatore in preda al forte dolore, è stato costretto a rimanere sul campo inzuppato dalla pioggia incessante per oltre venticinque minuti. Solo dopo una interminabile attesa l’ambulanza, giunta da Falcone, ha trasportato il ragazzo in ospedale; per lui i medici del pronto soccorso di Milazzo hanno diagnosticato una frattura scomposta di tibia e perone

A seguito della drammaticità della vicenda i capitani delle due squadre hanno chiesto di sospendere la partita. L’arbitro Marco Gugliandolo di Messina, sentito il commissario di campo, ha successivamente fischiato la fine anticipata della gara. Tra le concause delle dinamica dell’azione, che ha determinato l’infortunio ad Antonio Biondo certamente da segnalare il terreno al limite dell’impraticabilità dovuta anche per la partita giocata nel pomeriggio tra Igea ed Acireale. Una serie di circostanze a cui si aggiunge colpevolmente l’assenza dell’ambulanza a bordo campo. La tutela della salute dei giocatori è di importanza primaria su qualsiasi logica di campo.

Commenta su Facebook

commenti