Meo: “La concorrenza è il bello del calcio. Stiamo dimostrando di meritare un’altra classifica”

Federico MeoFederico Meo saluta i tifosi sotto la Curva Sud

Per la maglia da numero 1 è lotta aperta. Nel girone d’andata il Messina ha infatti alternato tra i pali per ben quattro portieri. Prima Gagliardini (che ha già salutato lo Stretto) e Prisco, poi il giovanissimo Federico Meo e Fabio Rinaldi. Il classe 2000 ha sin qui collezionato cinque presenze in campionato, esordendo nella sfida vinta per 3-2 a Palazzolo e poi giocando le successive gare contro Igea Virtus, Ercolanese, Ebolitana e Palmese, tutte coincise con un risultato positivo colto dai giallorossi. Nelle ultime tre partite ha trovato invece spazio il neo acquisto, ex di Vastese e Monticelli.

Meo

Un’uscita dell’esordiente Meo (foto La Macchia)

“C’è grande concorrenza – spiega Meo ai nostri microfoni – ma questo è il bello del calcio. Ciò presuppone lo spirito di sacrificio necessario da parte nostra. Ho fatto cinque partite e poi è arrivato Rinaldi, con cui ci stiamo contendendo il posto. L’importante è però essere uniti come gruppo”.

Meo, che sarà under per le prossime tre stagioni, ha le idee piuttosto chiare: “Quello che è voglio è continuare a giocare qui a Messina, vedremo che succederà in futuro”.

Non facile per un atleta giovanissimo riuscire a conciliare gli studi con il calcio: “A scuola non posso esserci sempre. Sono assente in occasione degli allenamenti mattutini, ma cerco di recuperare il pomeriggio”.

Meo

Un intervento di Meo (foto Alessandro Denaro)

Per il 2018 ecco, infine, cosa auspica: “Stiamo dimostrando che quella posizione di classifica non ci compete. Dobbiamo arrivare almeno ai playoff, puntando sempre più in alto. Bisogna pensare a conquistare i tre punti partita dopo partita, a cominciare dalla gara con il Portici, per cercare di risalire in classifica”.

Commenta su Facebook

commenti