Martina, Petrosino: “Questa Amministrazione non ama il calcio”

MartinaIl Martina, iscrittosi in extremis

Un infuriato Nino Petrosino, dg del Martina, nel corso di una conferenza stampa, si è scagliato contro l’Amministrazione comunale, annunciando che la squadra sarà consegnata al sindaco. Oggetto del contendere la convenzione per lo stadio Tursi, stagione 2015-2016. Il lutto cittadino terminato prima del Consiglio ha frenato molti consiglieri portando ad una nuova convocazione per lunedì 22 giugno, troppo tardi per il Martina e per l’approvazione della Convenzione in Consiglio che ha come termine ultimo la scadenza del 20 giugno, salvo incorrere in ammenda da diecimila euro e altre complicazioni. “La stipula della convenzione – ha proseguito Petrosino  –  è prima di tutto un atto di responsabilità. Il Comune ha perpetrato un atto criminoso nei confronti della nostra società e dico apertamente che anche se avessero approvato questa convenzione in Consiglio, non l’avrei mai firmata. Questa convenzione è un cappio al collo. Questa Amministrazione sa fare solo ostruzionismo.  Lo stesso che ci impedisce soprattutto a causa della mancanza di uno stadio e di una convenzione ragionevole di poter avvicinare gli imprenditori e reperire economie (già di per sé latenti) per affrontare una nuova stagione in Lega Pro. La politica sta uccidendo il calcio. O forse già lo ha ucciso. In questi giorni mi recherò dal Sindaco per la consegna del titolo affinché possa trovare con l’ausilio della sua maggioranza ed in primis con il contributo dell’assessore allo Sport Stefano Coletta (che invito a dimettersi), i successori per portare avanti il calcio a Martina”.

Commenta su Facebook

commenti