Mamma Giovanna: “Più si arrabbia, meglio è”. Papà Salvatore: “Vittoria per Rosario e la famiglia”

Famiglia NibaliLa famiglia Nibali in posa con una foto di Rosario Costa

È salito sul gradino più alto del podio portando con sé la figlia Emma. Vincenzo Nibali ha festeggiato il successo al Giro d’Italia con la moglie Rachele e tutta la sua famiglia al completo.

Famiglia Nibali

Si può brindare in nome di Vincenzo (foto Enrico Di Giacomo)

Per mamma Giovanna una soddisfazione immensa: “Mi aspettavo potesse vincere, anche nei giorni più difficili. Nel nostro cuore ci speravamo, perché conosciamo le potenzialità di Vincenzo che quando si arrabbia diventa anche più cattivo. E’ testardo e se vuole un obiettivo lo raggiunge. Era arrabbiato dopo le prime due settimane, non sapeva perché fosse così lontano dai primi. Cosa farà adesso? Sinceramente non lo so, mi godo i momenti più belli con lui, non entro invece nella sua vita privata”.

Papà Salvatore Nibali, ai microfoni della Rai, ha rivelato un segreto: “E’ stata un vittoria sofferta. Enzo era bloccato da tante cose. Tre giorni fa ci siamo sentiti al telefono e io gli ho detto che le pedivelle 175 secondo me erano un po’ lunghe. Lui mi ha risposto: “Papà non lo dire a nessuno, è un segreto, domani le faccio cambiare”. E poi ho visto una pedalata molto più fluida”.

La maglia rosa ha evidentemente per la famiglia Nibali un significato speciale: “Soprattutto per Rosario Costa (il ragazzo della società dilettantistica di Vincenzo, morto in allenamento lo scorso 15 maggio), per l’Italia e poi per la famiglia”. Un misto di commozione e felicità. Lo “squalo dello Stretto” ha scritto un’altra pagina memorabile di una carriera fantastica.

Commenta su Facebook

commenti