Ludovica Conti: “Con il Mondo Giovane un’esperienza bellissima”

Ludovica Conti
Ludovica Conti

Ludovica Conti

L’approdo di Ludovica Conti al Mondo Giovane, al pari degli altri innesti operati dal sodalizio cittadino, è stato pensato per incrementare il tasso tecnico della squadra in vista della partecipazione al campionato di serie D. La centrale messinese, classe 1994, ad oggi sta ripagando con prestazioni di alto livello la fiducia riposta in lei da tecnico e dirigenza del Mondo Giovane, dando un apporto importante per il gioco prodotto dalla squadra. Inoltre, fin dal suo arrivo, si è messa al servizio della squadra con umiltà e voglia di lavorare, integrandosi in tempi rapidi con le sue nuove compagne. Al termine del derby con il Savio, abbiamo chiesto a Ludovica di raccontarci questi mesi in casa Mondo Giovane e le emozioni provate. “Sto vivendo una bellissima esperienza, ho trovato un ambiente fantastico, quasi familiare che ti permette di lavorare in un clima di grande serenità e di divertirti in campo. Anche con le compagne si è venuto subito a instaurare un bel rapporto: pur essendo l’ultima arrivata mi hanno accolto con grande calore, facendomi sentire parte integrante del gruppo“.

Per la Conti sta nella compattezza dello spogliatoio la vera forza della squadra: “Tra di noi atlete vi è una forte coesione, siamo affiatate e si è andato creando un legame forte dentro e fuori dal campo. Anche con il mister siamo molto in sintonia”.

Ludovica Conti in azione

Ludovica Conti in azione

Si passa poi ad affrontare il capitolo relativo al campionato condotto dalla squadra: per la centrale biancoazzurra il bilancio attuale è sicuramente positivo. “L’obiettivo della società come anche di noi atlete era la salvezza, e da questo punto di vista siamo molto vicini dal raggiungerlo. Considerando che siamo una matricola e che diverse mie compagne stanno vivendo la loro prima esperienza in serie D, direi che dobbiamo valutare in termini positivi il nostro campionato”.

Le difficoltà non sono mancate nel corso della stagione. “Si è vero, in qualche partita avremmo potuto fare di meglio, anche sul piano del gioco. Purtroppo non riusciamo sempre nel corso della partita a dare una certa continuità alle nostre prestazioni. Abbiamo dei cali di tensione a cui ad essere sincera non è semplice dare una spiegazione. Dobbiamo fare tesoro dei nostri errori e dare il massimo nelle rimanenti partite per cercare di raggiungere quanto prima la certezza matematica della salvezza”.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti