Lucarelli: “Per salvarsi serve la bava alla bocca. Il Monopoli avversario durissimo”

Cristiano LucarelliCristiano Lucarelli in panchina

Prima conferenza della stagione al “Giovanni Celeste”, designato nuovo quartier generale dell’ACR. Il tecnico Cristiano Lucarelli e il suo Messina sono attesi al riscatto, dopo la rocambolesca sconfitta rimediata nel derby con il Catania: “Il cambio societario ha portato benefici ma la nuova proprietà non fa i gol. Sinceramente mi auguro che il gruppo non perda lo spirito che lo ha spinto in precedenza, quando eravamo in lotta per la sopravvivenza. Ho citato spesso quello che è successo a Pisa, dove nonostante tutto hanno vinto il campionato. Dobbiamo sentirci coinvolti nel progetto, che non può prescindere dalla salvezza. La mia tesi a Coverciano era proprio sulle motivazioni, perché la testa comanda tutto. Ho cercato di capire le debolezze che può portare questo cambio: prima eravamo soli, adesso no e inconsciamente c’è il rischio di snaturarsi e perdere stimoli. Invece per salvarsi bisogna avere sempre la bava alla bocca”.

Milinkovic

Milinkovic prova a recuperare il possesso

Il calendario riserva un nuovo impegno al “Franco Scoglio” e contro il Monopoli, che vanta sei punti di margine sulla zona salvezza, sono in palio punti fondamentali: “Non voglio più parlare del Catania, ma ritengo che la partita nei 90 minuti l’abbiamo vinta. È stata la nostra migliore partita in casa. Adesso ci tocca una brutta gatta da pelare. Fuori casa hanno ottenuto 17 punti su 30, grazie a quattro vittorie. Hanno vinto a Caserta, Pagani, Andria e Agrigento, pareggiato a Lecce, Francavilla, Castellammare e Siracusa. È la peggior partita che ci potesse capitare dopo il derby”.

I pugliesi hanno comunque subito un calo evidente, portando a casa soltanto cinque punti nelle ultime otto gare: “Nell’arco di una stagione ci può essere un periodo di flessione. Ad esempio la Juve Stabia era la candidata numero uno per la promozione e da inizio anno è in difficoltà e si trova adesso a -9 dal Lecce capolista. Ma il monopoli resta un’ottima squadra”.

Cristiano Lucarelli

Cristiano Lucarelli ai nostri microfoni

Il tecnico livornese si appella anche alla terna arbitrale: “Facciamo fatica con le squadre che si difendono in dieci. Mi auguro un arbitraggio equo. In questo momento siamo un po’ in debito. A Pagani non ci è stato dato un rigore solare e non mi è piaciuto il secondo tempo con il Catania. Ma per portare punti a casa dovremo comunque essere brutti, sporchi e cattivi”.

Commenta su Facebook

commenti