L’Orlandina Basket completa il roster con l’ala Burgess

Burgess

Dall’indiscrezione circolante già da sabato sera all’annuncio il passo è stato breve per l’Orlandina Basket che ha definito l’ingaggio dello statunitense Bradford Burgess che nei fatti completa il roster della squadra che agli ordini di coach Giulio Griccioli parteciperà alla prossima Serie A Beko che partirà ad ottobre con l’esordio al “PalaFantozzi” con Pistoia.

Bradford Burgess

Bradford Burgess

Burgess arriva dal club belga della Stella Artois Leuven Bears con cui ha giocato nelle ultime due stagioni e completa la batteria dei cinque atleti a stelle e strisce in biancoazzurro con il riconfermato Archie ed i nuovi arrivi Freeman, Hunt e Flynn in ordine di ingaggio. Ed anche Burgess, come Archie e Freeman, si è legato al club della famiglia Sindoni con un accordo biennale.

Ala piccola di 198 centimetri per un peso di 102 kg, ma con adattabilità anche ad essere impiegato da guardia o da ala forte, classe 1990 si è formato cestisticamente con i “Rams” dell’Università della Virginia Commonwealth (VCU) con cui ha giocato quattro anni. Le sue caratteristiche sono l’efficacia al tiro dal perimetro e grande versatilità e propensione alla difesa sia nelle marcature che nella lotta a rimbalzo.

Nato a Midlothian, sempre in Virginia, è approdato in Europa dopo non esser stato selezionato nel Draft NBA  pur avendo dimostrato ottime credenziali negli anni di college con prestazioni in costante crescita, e dopo aver preso parte alla Summer League con gli Orlando Magic prima del trasferimento in Europa.

Nel suo anno da Junior al college (2010/11) ha guidato i Rams sino alle Final Four NCAA risultando essere il miglior marcatore (14.3 punti) e il miglior rimbalzista (6.3 rimbalzi) dei suoi durante la stagione. Ha chiuso la sua carriera universitaria realizzando nell’anno da Senior 13.5 punti, 5 rimbalzi in media a gara, dimostrando anche abilità ai liberi tirando con l’80%. Ha stabilito un record in NCAA per numero di gare consecutive in quintetto (146) ed è uno dei 3 giocatori nella storia di VCU con 1600 punti (quarto assoluto con 1684 punti), 700 rimbalzi e 200 assist. È stato premiato inoltre con l’inserimento, per quanto riguarda la allora Conference di appartenenza di VCU, nell’All-Rookie Team al primo anno, nell’All-Tournament Team nel 2011 e nel 2012, e nell’All-CAA First Team al suo ultimo. Al Portsmouth Invitational del 2012, evento vetrina riservato ai migliori senior in uscita dalle università, ha fatto registrare 12 punti, 6 rimbalzi e 1.3 assist di media nei 3 match giocati.

Bradford Burgess, nuovo atleta dell'Orlandina

Bradford Burgess, nuovo atleta dell’Orlandina

Approdato per la stagione 2012/13 ai Leuven Bears nella massima serie belga chiude con una media di 10.2 punti e 3.7 rimbalzi, performance che miglioreranno nel corso dell’ultimo torneo 2013/14, una seconda annata conclusa con 11.8 pumti e 5.7 rimbalzi ad allacciata di scarpe.

«Completiamo la squadra con un tassello importante.  Burgess – ha dichiarato Giuseppe Sindoni, direttore sportivo dell’Upea Capo d’Orlando – ha già maturato esperienza europea di alto livello, ma è ancora un giocatore in ascesa che ha percepito fin dal primo istante Capo come un’occasione da non perdere. E’ il terzo straniero che firmiamo con un contratto pluriennale a dimostrazione del fatto che crediamo tanto nelle nostre scelte. Brad è un giocatore di grande sostanza capace di lasciare il segno sulla partita in parecchi modi e credo che con Archie comporrà una delle coppie di ali più versatili e dinamiche dell’intera Serie A».

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti