Lo Sport Patti combatte ma non regge l’urto della capolista Palestrina

Sport Patti-Palestrina

Al PalaSerranò la capolista Palestrina cerca la sesta vittoria, partendo a razzo in una gara dai ritmi subito alti. Troppi inizialmente i tiri sbagliati che impediscono di proseguire la corsa ai laziali, lo Sport Patti ne approfitta piazzando due jumper che la issano sul 7-4. Il primo timeout è di Palestrina, chiamato a metà frazione, ripagato finalmente dalla tripla (Drigo per la parità). Dall’asse Rischia-Serino nasce il lay up del nuovo sorpasso arrestato sul nascere da Babilodze e Bolletta, ma nel caldo catino siciliano si esalta anche in contropiede Gullo con una tripla veloce (14-11). Reazione chiusa da una rubata di Rossi per il +1 ospite ma altra acccelerata pattese che vale il 16-15 pur fallendo il libero supplementare. Ultima azione però con antisportivo capitalizzato in lunetta da Rossi. Montanari entra nel match mettendo la firma con uno scippo concluso con canestro e fallo, aggiungendo subito tanta aggressività che vale un’infrazione di 8 secondi a Patti. La penetrazione di Rischia seguente vale il +6 e la tripla dell’altro neo entrato Molinari il 18-25.

Lo stesso Molinari sfrutta l’ennesima rubata per correre a canestro esaltando i suoi: Drigo da man forte colpendo dall’angolo (20-30). Molinari prosegue il magic moment con una bomba in transizione ed ora coach Sidoti deve giocoforza chiamare la sospensione. Ma ora vanno a bersaglio anche i tiri più strani come quello di Montanari che bacia il vetro prima di infilarsi aggiornando il passivo a -16. In cattedra i veterani Costantino e Gagliardo, si continua a segnare dalla lunga con percentuali eccellenti: 28-43 a 150 secondi dall’intervallo. Show per Rossi da tre e con un elegante appoggio nel traffico, Palestrina vola 28-48, controllando il gioco fino alla sirena accolta con un eloquente 31-52.

Costantino Sport Patti

Costantino Sport Patti

Mai abbassare la guardia e dal 31-54 nasce un 8-0 per Patti che induce Rischia a rispondere subito: il play allo scadere dei 24 segna la tripla del 39-57. Espulso Sidoti che protesta dopo il pesante passivo, la fase è assolutamente caotica, Patti ne esce con un appoggio al tabellone che ristabilisce il -17. E’ il momento di rinserrare le fila e Palestrina costruisce una bellissima azione corale chiusa sotto canestro da Serino, lucidità recuperata pure dall’arco con Rossi che non si fa pregare: 42-64. Molinari tentacolare in difesa fiaccando le speranze dei locali, Palestrina controlla e va all’ultima mini-pausa con un vantaggio sempre considerevole.

Palestrina non avrebbe bisogno di essere stimolata, ma il minibreak siciliano ha l’effetto di scatenare gli ospiti che si accendono con Molinari: 52-72. A seguito dell’antisportivo a metà campo commesso su Drigo il risultato schizza dopo due minuti sul 52-76, mettendo ormai la parola fine sulla gara. Ci mette tanto orgoglio la squadra di casa, che non vuole mollare e conquista sei punti in fila che limitano i danni. Brenda dalla media e Rossi in contropiede tornano a bersaglio per Palestrina, proprio quando è il momento dell’esordio anche per Federico Rossi e Temporin. Ultimi frangenti con Patti che senza niente da perdere cerca la sorte dalla lunga distanza rosicchiando ancora qualcosa, in lunetta la Citysightseeing pensa invece a portare a termine la sua esaltante serata. Sesta vittoria con ciliegina finale (Federico Rossi a segno), Palestrina promossa a pieni voti (70-87) e testa della classifica confermata con un ruolino impeccabile. Patti, che ha ufficializzato la separazione col lungo Innocenti e che guarda al mercato per potenziare l’organico, sa che proseguirà nelle prossime settimane l’inseguimento alla salvezza.

Sport Patti-Palestrina 70-87
Patti: An. Sidoti ne, Ettaro 2, Babilodze 16, Costantino 11, Bolletta 15, Cicivè 9, Accordino ne, Al.Sidoti 2, Gullo 12, Busco 3. All. Sidoti
Palestrina: Rischia 10, G.Rossi 18, Molinari 9, Drigo 14, Temporin, Serino 10, Brenda 4, Gagliardo 5, F.Rossi 2, Montanari 15. All. Lulli

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti