L’Effe Volley a Catania per continuare la marcia verso la serie B1

La formazione dell'Effe VolleyLa formazione dell'Effe Volley

Riparte sabato alle ore 19,30 al PalaSpedini di Catania la rincorsa verso quel sogno chiamato B1 per l’Effe Volley Santa Teresa che fa visita al Team Volley Hobbyt Catania nella quartultima performance stagionale. Una gara che si annuncia come un crocevia fondamentale verso l’obiettivo finale. La squadra messinese giunge ai piedi dell’Etna forte dei suoi 52 punti ottenuti in 18 gare grazie a 17 vittorie ed una sconfitta, 53 set vinti e 7 persi. Il Team Volley, allenato dalla esperta Ina Baldi, occupa la settima posizione in graduatoria in perfetta tranquillità con 24 lunghezze, 8 gare a favore e 10 contrarie, 31 set positivi e 37 negativi.

Effe Volley

Time out Effe Volley

Massima concentrazione ed attenzione in casa Effe Volley, il coach Claudio Mantarro in settimana ha lavorato sia sotto l’aspetto tecnico-tattico che su quello mentale per raggiungere il giusto equilibrio affinché la gara sia affrontata con la dovuta carica agonistica e, nello stesso tempo,  senza creare ulteriori pressioni alle componenti del roster, tutte disponibili per l’occasione. I tifosi, che faranno sentire la loro presenza pure in quel di Catania, contano le gare che mancano da qui alla fine e fanno esercizi di aritmetica. Dopo il Team Volley due gare interne consecutive contro il Cuore Reggio Calabria e la Noma Santo Stefano per chiudere all’ultima giornata in trasferta contro il Primeluci Castelvetrano.

Andreea Serban (Effe Volley)

Andreea Serban (Effe Volley)

Alla vigilia della gara la parola ad Andreea Serban, la schiacciatrice ha trovato poco spazio durante l’anno agonistico in corso ma si è fatta trovare sempre pronta quando è stata chiamata in campo ed ha tirato il gruppo risultandone un tassello fondamentale. “Andiamo a Catania – ci dichiara – decise a continuare il nostro percorso  che ci ha portato ad essere in testa alla classifica con sei punti di vantaggio a quattro giornate dal termine. Non possiamo permetterci di sottovalutare l’avversario – continua l’atleta di origini rumene – che scenderà in campo sapendo di non aver nulla da perdere. Dovremo essere brave a non farci schiacciare dalla pressione emotiva del particolare momento  e calcare il parquet di Catania con la convinzione dei nostri mezzi che abbiamo dimostrato  in tutti questi mesi di sacrifici”.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti