Lecce e Juve Stabia, che tonfi! Il Catanzaro fa il colpo a Pagani

formazione iniziale Casertana

Se tra le squadre di testa non fallisce il Foggia, battendo 3-0 il Messina, nella 24esima giornata del girone C di Lega Pro perde ancora terreno la Juve Stabia, superata 3-2 dal Siracusa. Una doppietta di Paponi, tra il 12′ e il 28′, sembra spianare la strada alle “vespe”, ma Scardina riapre i giochi già nel primo tempo. Gli aretusei centrano la clamorosa rimonta nella ripresa grazie ai gol di Catania al 48′ e Spinelli al 77′. Secondo ko consecutivo in Sicilia per gli uomini di Fontana che restano a 44 punti. Fa rumore, però, soprattutto la caduta del Lecce capolista. A Caserta è Ciotola a siglare il vantaggio al 24′, ma Giorno lascia poi i “falchetti” in 10. I campani conservano l’1-0 fino alla fine, stendendo la compagine di Padalino.

Filippo Scardina

La Virtus Francavilla si sbarazza di un Akragas sempre più in difficoltà. Finisce 2-0 per i pugliesi, a segno con Abate e Pastore nel secondo tempo. La squadra di Calabro è ora quinta da sola, dopo l’1-1 del Cosenza a Vibo. Silani sotto per il rigore di Saraniti, ma capaci almeno di evitare la sconfitta nel derby calabrese per effetto del gran gol di Calamai a 13′ dal termine. Niente reti nella sfida tra Reggina e Monopoli. Amaranto più volitivi, ma senza trovare la via della gol. Espulso Bianchimano al 90′. Il Melfi, in dieci dal 59′ per l’espulsione di Obeng, perde a Fondi ed è sempre ultimo. Giannone e Albadoro per la vittoria dei laziali. L’autogol di Marino consente ai gialloverdi soltanto di accorciare le distanze.

Matteo Zanini

Matteo Zanini in sala stampa

Il colpo tra le pericolanti lo fa il Catanzaro, vincendo 2-1 a Pagani. Apre le marcature al 3′ il neo acquisto Zanini, poi gli azzurrostellati reagiscono con Firenze. Di Icardi, all’81’, il gol partita per gli ospiti, balzati a 21 punti. Espulsi Alcibiade e Sarao: quest’ultimo salterà il prossimo confronto del “Franco Scoglio”. Il Messina, nonostante il ko dello “Zaccheria”, resta fuori dalla zona playout. Mancano all’appello il posticipo serale Andria-Taranto e il big match Catania-Matera, in programma martedì. In caso di vittoria la compagine di Auteri si ritroverebbe da sola al comando della classifica, mentre un pari servirebbe comunque ad agganciare il Foggia, momentaneamente primo con 50 punti.

Commenta su Facebook

commenti