L’Aretusa Siracusa si conferma autentica bestia nera della Piero Spadafora

Spadafora-Siracusa

Sconfitta interna sul parquet amico per la Piero Lepro Spadafora, che frena la sua corsa salvezza,lasciando i due punti in carniere all’Aretusa Siracusa che si conferma un’ottima squadra dall’elevato potenziale e cifra tecnica. Partenza con alte percentuali di realizzazione per i siracusani che concludono il primo quarto sul +13 (20-33). Nella seconda frazione i ragazzi di coach Maganza cercano di rientrare in partita, ma pur disputando un buon quarto, si va al riposo lungo con l’Aretusa Siracusa in totale controllo sul più 16 (40-56). Al rientro in campo, Stuppia e compagni, tentano di rientrare in partita ma gli ospiti con un buona prestazione di tutto il quintetto aumentano ancora il divario e si presentano all’ultima frazione sull’eloquente più 25 (55-80) con i due Usa Robinson e Smith molto precisi. Positivi anche il tiratore Sorrentino e Bellofiore. Ultimo quarto con Siracusa che controlla a proprio piacimenot la gara e conquista il successo con il netto punteggio finale di 79-101. La Piero Lepro Spadafora cui non sono bastate le doppie cifre di StuppiaSofia e Scozzaro deve così rinviare l’appuntamento con la vittoria, quella decisiva che potrebbe mettere davvero in cassaforte la sua permanenza in serie C Silver.

Il play Stuppia in azione (Spadafora)

Il play Stuppia in azione (Spadafora)

Piero Lepro Spadafora – Aretusa Siracusa 79-101
Parziali: 20-33; 20-23; 15-24; 24-21
Piero Lepro Spadafora: Mondello, Scibilia n.e., Di Dio n.e, Barbera 8, Sofia 14, Pollicino, Vento 11, Scozzaro 13, Mobilia 9, Stuppia 24, Colosi, Nomefermo. All. Maganza
Aretusa Siracusa: Robinson 19, Boscarino, Smith 21, Febraro, Bellofiore 18, Carbone 2, Alescio 13, Sorrentino 22, Agliano, Agosta 6 All. Marletta
Arbitri: Perrone -Barbera

Commenta su Facebook

commenti