L’Alma Patti passa agevolmente a Cagliari nel giorno dell’addio della Kramer

Alma PattiL'Alma Patti celebra il successo di Cagliari

L’Alma Patti Basket batte la Surgical Virtus Cagliari 38-73 e con questa vittoria saluta la propria capitana Mariana Kramer. La giocatrice italo-argentina, classe ‘77, al suo primo anno in A2, a 44 anni saluta la pallacanestro giocata, senza lasciare comunque il club. La carriera della socia fondatrice della società si è conclusa a 5.13″ del quarto quarto, quando coach Mara Buzzanca le ha concesso il ritorno in panchina tra gli abbracci delle compagne.

Mariana Kramer

Mariana Kramer con i figli (foto Scaffidi)

Al termine della gara Kramer ha ricevuto anche l’abbraccio dell’italo-argentina Iris Ferrazzoli, coach della Virtus Cagliari, e i saluti delle giocatrici cagliaritane insieme a quelli degli arbitri della partita. L’Alma Patti ha iniziato la gara con la sua capitana in quintetto e ha sempre condotto il match del PalaRestivo. La partenza della Surgical è stata di piglio (4-2), ma l’infortunio alla caviglia di Kowalska ha da subito messo la strada in salita per le padrone di casa.

Patti si ritrova inaspettatamente con 4 falli di squadra da gestire, ma la precisione a canestro ha subito indirizzato l’inerzia del quarto (6-15). Chrysantidou sblocca le padrone di casa a 50″ dalla prima sirena, ma l’Alma fissa il punteggio della prima frazione sull’8-20. Il secondo periodo è contrassegnato da un equilibrio maggiore, lo scarto iniziale prodotto della siciliane è però difficile da recuperare per Salvemme e compagne.

basket

Mariana Kramer, qui in lunetta con la maglia del Cus Unime, chiude la carriera

Coach Buzzanca dà ampio spazio a MerrinaSciammetta e Diouf,  il principiale riferimento offensivo rimane comunque Virginia Galbiati. La numero 7 pattese realizza il 14-36, Federica Brunetti risponde d’orgoglio, ma Giorgia Manfrè mette la firma sui canestri che portano al riposo lungo. Sono 14 i punti di vantaggio per l’Alma (22-36). L’inizio di terzo quarto è ancora di marca ospite (0-6), capitan Kramer realizza dalla lunetta e Katrin Stoichkova piazza subito dopo la tripla che condiziona probabilmente l’intera gara.

Sul 24-49 la Surgical torna a referto con Brunetti, ma Patti ancora dai liberi si sposta sul 27-50. Manfrè chiude un giocata da tre punti su Lucia Savatteri e va a canestro ancora Stoichkova. Il quarto va in archivio sul +30 per la formazione ospite. La rimonta è troppo difficile da tentare per la Virtus nonostante il segnale lanciato dalla penetrazione della capitana cagliaritana Pellegrini ad inizio del quarto periodo. Gli errori delle giovani cagliaritane rimangono tanti, come dimostrano le 30 palle perse nella gara.

Alma Patti

La palla a due della sfida tra Alma Patti e Faenza

L’Alma non è stata da meno con 27, ma aver realizzato 28 punti proprio da palle recuperate e 44 punti in area è statistica che ha fatto differenza. Nel quarto quarto, a punteggio ampiamente consolidato, a 5.13” dal termine coach Buzzanca richiama il capitano. La carriera della Kramer, arrivata in Italia nella stagione 2010-2011, si chiude dopo aver tirato due liberi e averli entrambi messi a segno. I punti finali per lei saranno 6 con il 40 per cento dal campo, 4 rimbalzi difensivi e due palle recuperate. L’Alma Patti si prepara adesso alla trasferta di La Spezia, dove è atteso l’esordio di Victoria Llorente.

Surgical Virtus Cagliari – Alma Patti Basket 38-73
Parziali: 8-20, 14-16, 7-23, 9-14.
Cagliari: Kowalska, Savatteri 6, Zolfanelli ne, Pala 2, Brunetti 12, Lussu, Podda 6, Pilleri, Pellegrini Bettoli, Salvemme 7, Conte 2. All.: Ferrazzoli, Ass. all.: Calandrelli.
Patti: Stoichkova 9, Merrina 6, Cupido 4, Sciammetta, Diouf 2, Verona 10, Kramer 6, Boccalato 9, Manfrè 10, Galbiati 17. All.: Buzzanca, ass.all.: Perseu.

The following two tabs change content below.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva