L’Akademia Sant’Anna riscatta Clelia Torre. “In B1 il livello è molto alto”

Akademia Sant'Anna VolleyL'opposto Clelia Torre

L’Akademia Sant’Anna ha riscattato Clelia Torre dalla Pallavolo Sicilia e così l’opposto classe ’99 diventa la prima giocatrice sulla quale la società del presidente Fabrizio Costantino ha investito per il futuro, acquisendone i diritti alle prestazioni sportive. Arrivata lo scorso anno in riva allo Stretto, la Torre si è guadagnata la riconferma a suon di schiacciate, mostrando un ampio margine di miglioramento grazie alla sua giovane età.

Clelia Torre

Clelia Torre giocherà con l’Akademia anche nella prossima stagione

«Dire di essere felice della scelta che ho fatto è davvero riduttivo – sottolinea Clelia -. A Messina ho trovato una società straordinaria che fin dall’inizio ha dimostrato serietà e progettualità importante. Non avrei mai immaginato che la stagione si sarebbe conclusa in quel modo, dopo i tanti sacrifici quotidiani di tutti noi. Ci è rimasta tanta amarezza e delusione perché volevamo e potevamo giocarcela sino alla fine. Ma ora dobbiamo pensare alla nuova stagione che sarà una esperienza nuova sotto tutti i punti di vista – continua l’opposto del club messinese – perché sarà il mio primo anno lontano da casa, mi iscriverò all’università a Messina e sarà il primo anno di B1. Quindi è stata una scelta molto importante, anche se molto ponderata».

Le giocatrici dell”Akademia Sant’Anna prima dell’inizio di un match

Un campionato più difficile ed impegnativo della B2. «Naturalmente c’è una netta differenza tra le due categorie. In B1 il livello è molto alto, con atlete che hanno tanta esperienza alle spalle ma questo porta sempre più voglia di riprendere, lavorare sodo, di crescere dal punto di vista tecnico e mentale. E sono sicura che sarà una stagione ricca di sacrifici ma anche di emozioni». Intanto, però, ci sono le vacanze… «Sto studiando sia per l’Università che per prendere, una buona volta, la patente – conclude sorridendo – mentre il pomeriggio mi alleno, vado a correre e faccio qualche esercizio fisico. Non bisogna mai fermarsi».

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva