La Waterpolo presentata a Palazzo Zanca. Genovese: “Puntiamo al massimo”

La Waterpolo Despar Messina a Palazzo Zanca

L’ottava stagione consecutiva in massima serie può essere per la Waterpolo Despar Messina quella giusta per puntare al titolo. Dopo la conquista di un piazzamento utile a disputare le Coppe Europee e il raggiungimento della finale di Coppa Italia, giocata in casa nello scorso marzo, il club peloritano vuole mantenersi ai vertici della pallanuoto femminile, cercando di alzare ulteriormente l’asticella. Nel corso della presentazione ufficiale della squadra, andata in scena questa mattina a Palazzo Zanca, il presidente Felice Genovese non ha fatto mistero degli obiettivi: “Affrontiamo questo campionato con la consapevolezza di quanto di buono abbiamo fatto negli anni passati, specie nella scorsa stagione. Sono certo che con il lavoro e la dedizione necessaria potremo ambire all’obiettivo massimo, ovvero a quella parola che nessuno vuole pronunciare”. La scaramanzia è d’obbligo, ma lo scudetto è nel mirino della Waterpolo che dovrà ovviamente fare i conti con le campionesse in carica di Padova.

La Waterpolo Despar Messina presentata a Palazzo Zanca

La Waterpolo Despar Messina a Palazzo Zanca

“Per la prima volta – ha aggiunto Genovese – parteciperemo alle Coppe Europee, un evento storico per tutta la città di Messina. Ne siamo onorati e cercheremo di dare il massimo anche in questa competizione. Al mister Mirarchi spetterà un compito più difficile del solito, dovendo fare i conti con una rosa più ristretta anche alla luce dei problemi nei tesseramenti delle straniere in una stagione che condurrà alle Olimpiadi, ma il lavoro pagherà e sono certo che ci toglieremo delle grosse soddisfazioni. Abbiamo inoltre l’onore di avere in rosa anche il portiere della Nazionale Giulia Gorlero, uno dei volti nuovi. Vogliamo partire con il piede giusto già da sabato in occasione del debutto in campionato contro Prato”.

Il tecnico Maurizio Mirarchi

Il tecnico Maurizio Mirarchi

A fare gli onori di casa il sindaco Renato Accorinti e l’assessore allo sport Sebastiano Pino, mentre con il presidente regionale della Fin Sergio Parisi si è affrontato il tema legato agli impianti sportivi. “La sua presenza non è casuale – ha detto Genovese – proprio perché si tratta di problematiche comuni a livello regionale”, auspicando una risoluzione in tempi brevi circa l’agibilità della struttura per consentire al maggior numero di spettatori possibili di poter assistere alle gare interne previste alla piscina “Cappuccini”. Al tecnico Maurizio Mirarchi, riconfermato dopo la bella cavalcata della scorsa stagione, il compito di presentare la giocatrici in organico: “Possiamo contare su quattro atlete che hanno partecipato al Mondiale di Kazan, conquistando il bronzo e rivelandosi le migliori tra le azzurre. Insieme a loro c’è l’inossidabile Silvia Bosurgi, la statunitense Laura Lopez ed un gradito ritorno, quello di Simona D’Agata. In più ci sono le varie conferme”. Curiosità: il portiere Giulia Gorlero, membro del Consiglio Comunale a Imperia, cresciuta proprio nella squadra della sua città, alla prima uscita ufficiale da giocatrice della Waterpolo era evidentemente a suo agio a Palazzo Zanca…

Commenta su Facebook

commenti