La stracittadina è dell’Acr (1-0). Aliperta stende l’Fc, Caballero sbaglia troppo

AlipertaLa punizione vincente di Aliperta (foto Fabrizio Pernice)

Una punizione del centrocampista regala la vittoria alla squadra di Novelli, che resiste agli assalti e stacca in classifica i rivali, distanti adesso cinque punti con una gara da recuperare. Giornata nera per l’attaccante argentino, che si divora una clamorosa serie di palle gol e poi è sfortunato con una traversa nel finale. Nel primo tempo palo di Lodi e rigore netto negato all’Acr. 

Aliperta

Aliperta e compagni celebrano il gol (foto Fabrizio Pernice)

La cronaca – Una stracittadina che vale una grossa fetta di promozione. Nella ventiduesima giornata l’Acr capolista sfida l’Fc, secondo a due lunghezze dalla vetta ma con ancora una gara da recuperare. Al “Franco Scoglio” si gioca su un terreno pesantissimo per la pioggia che da ieri non dà letteralmente tregua. Pronti via ed il match si accende immediatamente. Al 5’ clamoroso errore di Cascione, si invola Carbonaro che calcia a giro spedendo a lato. Un minuto dopo l’Acr risponde con Arcidiacono dal limite, Marone devia in angolo. Sul corner seguente Sabatino di testa in tuffo non colpisce bene, fallendo da favorevole posizione. Al 14’ iniziativa personale per l’Fc di Coria che si incunea centralmente, ma Caruso può bloccare la sfera. Per la squadra di Novelli è Addessi a tentare la conclusione da una ventina di metri, con il pallone che termina sul fondo. Problema fisico per Arcidiacono che non ce la fa e deve lasciare il campo rimpiazzato da Cristiani. Primo cambio obbligato per Novelli.

Ricossa

Il tocco di mani di Ricossa: il rigore era netto (foto Fabrizio Pernice)

Tra il 18’ ed il 22’ due incredibili occasioni sprecate da Caballero, che prima divora all’altezza del secondo palo mandando fuori sull’assist di Carbonaro, poi non approfitta del regalo di Cascione e della pozzanghera calciando addosso a Caruso, davanti al quale si era presentato in perfetta solitudine. Gol sbagliato, gol subito. Al 25’ è la magistrale punizione di Aliperta, praticamente dal limite, a far esultare l’Acr Messina. Il centrocampista, ex Turris, è bravo a far passare il pallone in mezzo alla barriera, timbrando l’1-0. L’Fc fatica a reagire. Al 36’ vibranti proteste di Foggia e compagni per un intervento col braccio in area di Ricossa: Mirabella non ravvisa l’irregolarità. Al 41’ il colpo di testa fuori bersaglio di Vacca, sul corner battuto da Aliperta. L’Fc si dispera invece al 44’ per il palo di Lodi, centrato in pieno dall’ex del Catania con una splendida conclusione dalla distanza, Caruso poi è fortunato a respingere la sfera col volto. Pericolo scampato per l’Acr che chiude in vantaggio la prima frazione.

Marone

Marone è battuto, tradito dalla barriera che si è aperta (foto Fabrizio Pernice)

Al 3’ della ripresa ancora protagonista in negativo Caballero: tutto solo l’argentino si coordina malissimo e spreca la terza occasione della partita graziando Caruso. L’Fc perde all’8’ capitan Giuffrida che va ko nel rincorrere Addessi. Problema muscolare per il numero 4 e contropiede che l’Acr, però, non capitalizza al meglio. Costantino sceglie Palma per la sostituzione. Al 14’ Caruso si distende in tuffo e sventa la minaccia sulla punizione calciata dal solito Lodi. Secondo cambio per l’Fc, con Piccioni chiamato a rilevare Coria. Fase favorevole agli “ospiti” con il colpo di testa di Garetto, sul traversone di Aita, di poco alto. Sull’altro fronte Cretella non impensierisce Marone da posizione defilata. Al 23’ Caruso dice di no a Caballero, opponendosi al diagonale dell’argentino che fallisce, per l’ennesima volta, l’appuntamento col gol. La pioggia si fa sempre più intensa, la sfida è nel suo momento decisivo. Arena per Garetto e l’Fc tenta il tutto per tutto nel finale. L’Acr cerca di pungere in ripartenza. Cascione, al 35′, scarica per Addessi, tiro debole e comoda presa per Marone. Manfrellotti al posto di Foggia nell’Acr e poi Bollino per Addessi, mentre Costantino inserisce anche Bevis per Carbonaro. A due minuti dal 90′ Bevis suggerisce trovando il corridoio per Caballero ipnotizzato da Caruso che respinge il diagonale con un intervento provvidenziale. Il portiere esulta, per l’argentino giornata nerissima. Acr tutto a protezione dell’1-0, con Boskovic ad aggiungersi al muro. Al 1′ dei 5′ di recupero l’Fc va ad un soffio dal pari: sempre Caballero svetta di testa e colpisce la traversa, con Caruso scavalcato dalla traiettoria ed ormai battuto. Il numero uno dell’Acr ancora decisivo salvando in angolo su Bevis. Sugli sviluppi del corner Arena, a giro, non trova lo specchio. Finisce 1-0 per la squadra di Novelli che stacca i rivali, ora a -5. Nervosismo finale dopo un match accesissimo e dalle tante occasioni. Acr cinico, Fc sfortunato, il verdetto della stracittadina.

Caballero

Fc condannato dagli errori di Caballero (foto Giovanni Chillemi)

Il tabellino – Acr Messina-Fc Messina 1-0
Marcatori: 25’ pt Aliperta (Acr).
Acr Messina: Caruso; Cascione, Lomasto, Sabatino, Giofrè; Vacca, Aliperta, Cretella; Arcidiacono (17’ pt Cristiani, 45′ st Boskovic), Foggia (39′ st Manfrellotti), Addessi (42′ st Bollino). A disp. Lai, Lavrendi, Crisci, Daniello, Polichetti. All. Raffaele Novelli.
Fc Messina: Marone; Ricossa, D. Marchetti, Fissore, Aita; Giuffrida (9’ st Palma), Lodi, Garetto (32’ st Arena); Coria (15’ st Piccioni); Carbonaro (39′ st Bevis), Caballero. A disp. Monti, Da Silva, A. Marchetti, Casella, Bianco. All. Massimo Costantino.
Arbitro: Mirabella di Napoli (Assistenti: Fumarulo di Barletta e Cataneo di Foggia)
Note – Ammoniti: D. Marchetti (Fc), Aliperta (Acr), Lodi (Fc), Sabatino (Acr), Caruso (Fc), Foggia (Acr), Arena (Fc).

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva