La Sigma espugna il “fortino”: al PalaIlio di Trapani ripresa da incorniciare della truppa di Calvani (VIDEO)

I sostenitori della Sigma presenti a Trapani

I sostenitori della Sigma presenti a Trapani

Barcellona si impone per 93-76 nel primo dei due derby consecutivi in calendario, costringendo i granata alla seconda sconfitta stagionale tra le mura amiche. Young e compagni realizzano ben 59 punti tra terzo e quarto parziale ed agganciano i “cugini” a quota 22 punti in classifica. Il racconto del nostro inviato a Trapani.

Il pre-partita: Va in scena al PalaIlio di Trapani il primo dei due attesissimi derby consecutivi che attendono la Sigma Barcellona di coach Marco Calvani. Avversario peggiore non poteva capitare sulla strada dei giallorossi, i granata del tecnico Lino Lardo (eletto dalla LNP miglior coach di gennaio) infatti sono stati la squadra più in forma dell’ultimo mese di campionato che ha centrato l’en plein di successi con quattro vittorie di fila che l’hanno proiettata al quarto posto in classifica, due punti in più rispetto al sodalizio del presidente Bonina. Grande attesa da parte delle rispettive tifoserie, circa cinquecento i tifosi giallorossi presenti arrivati nella città del Sale con quattro pullman e mezzi privati, che con i loro colori hanno riempito in ogni ordine di posto l’impianto trapanese dando alla sfida quel senso di sano campanilismo in più. Barcellona cerca l’acuto esterno che le manca da fine dicembre quando espugnò il PalaBarbuto di Napoli con Ducarello in panchina ed arriva all’importante appuntamento con la defezione di Toppo, costretto a sottoporsi all’intervento chirurgico al ginocchio ma con la conferma fino a fine stagione dell’ala Ganeto e il parziale recupero di Pinton tornato in distinta a distanza di qualche settimana. In casa Trapani è il capitano Ianes a preoccupare lo staff sanitario: la sua presenza a referto è certa ma il suo impiego è in forte dubbio. Numeri importanti per Trapani, i padroni di casa sono la squadra che ha fatto più punti tra le mura amiche centrando otto vittorie su nove partite ufficiali (solo Ferentino ha espugnato il PalaIlio), Barcellona di contro riparte da netto e convincente successo su Brescia e nel derby opporrà la sua propensione offensiva, la Sigma con 82,5 punti di media è il miglior attacco della categoria, e l’entusiasmo derivato dall’arrivo del nuovo tecnico vice-campione d’Italia in carica, ex di turno avendo allenato Trapani nel campionato di serie A Dilettanti nella stagione 2008/2009. All’andata vinse Barcellona con coach Perdichizzi in panchina col punteggio di 77-70, una partita in cui a spezzare l‘equilibrio fu il trio Maresca-Filloy e Fantoni, quest’ultimo autentico dominatore dell’ultima sfida casalinga col suo season high di 34 punti.

Il neo-tecnico della Sigma Calvani

Il neo-tecnico della Sigma Marco Calvani

La cronaca: Coreografie spettacolari da parte del pubblico di casa che espone un grande striscione granata ma la tifoseria ospite offre un bel colpo d’occhio con i suoi colori e gagliardetti; le due squadre entrano in campo insieme a tanti bambini che rendono l’atmosfera di questo derby ancora più affascinante. Lardo schiera il quintetto composto dal play campione di Svizzera in carica Parker, Ferrero, Lowery, Baldasserre e Renzi mentre Calvani risponde mandando in campo Collins, Young, capitan Maresca, Filloy e Fantoni. Il primo tiro lo prende Parker e lo sbaglia, Barcellona si porta sullo 0-2 con Collins. La Sigma fa buona guardia sotto i tabelloni ma è l’ex Nazionale e Benetton Renzi a trovare la parità con un bel movimento spalle a canestro. Le motivazioni non si contano per le due squadre, sin da subito la tensione e l’intensità della gara sono al massimo livello, ci pensa nuovamente Renzi a portare in vantaggio i suoi (4-2). Calvani spende il primo time out della serata con Trapani che inizia a fare male con la sua coppia di lunghi, è Baldassarre a realizzare due liberi per il più quattro locale. La Sigma risponde in transizione col canestro di Fantoni ben servito da Young. Lo stesso ex Casale realizza il doppio viaggio in lunetta costringendo il suo diretto avversario Renzi a commettere il suo secondo fallo. Barcellona è in un ottimo momento col pivot livornese che sale a quota 6 punti personali e poi con l’affondata a due mani di Young che chiude una bella transizione tre contro uno (6-10) che costringe Lardo al time out. Dalla pausa escono bene i granata con la penetrazione dell’idolo di casa Ferrero e poi il canestro di Lowery. Lardo getta nella mischia anche il capitano Ianes che era in forte dubbio prima della palla a due oltre all’ex Rizzitiello mentre sul fronte opposto entrano Natali e Ganeto che subito realizza la prima tripla dell’incontro. Un primo quarto dominato dalle difese si chiude con la stoppata di Young su Parker ed il punteggio che recita 12-13 per Barcellona.

Capitan Maresca sfugge alla marcatura di Baldassarre

Capitan Maresca sfugge alla marcatura di Baldassarre

Il secondo quarto si apre con una magia di Young che con un’iniziativa personale va a schiacciare di prepotenza a canestro, la seconda della sua serat, il pareggio arriva per mano di Baldassarre, gioco da tre punti, poi si accende Parker che con cinque punti consecutivi, canestro da due e tripla, infiamma il PalaIlio (20-15). La reazione arriva per mano di un positivissimo Ganeto che insacca la seconda tripla personale. Trapani però corre e costruisce tre possessi di vantaggio, 24-18, coi canestri del solito Parker (7 punti in tre minuti) e di Baldassarre. La contro risposta giallorossa è di Fantoni, il più prolifico dei suoi che però viene annullata da Baldassarre. L’ex Orlandina Young fa 1/2 ai liberi ma la nota negativa è la situazione falli di Filloy che s’accomoda in panca con tre penalità personali. Sul fronte opposto Baldassarre non trema dalla linea della carità e Trapani comincia a prendere un buon margine di vantaggio (28-21). La Sigma segna solo su tiro libero, ci pensa ancora Fantoni, salito già in doppia cifra, ma la manovra dei locali è più armoniosa e Lowery trova il canestro del nuovo più sette. E’ Young dopo una buona circolazione di palla con la tripla dall’angolo a dimezzare lo svantaggio dei suoi e ridare fiducia alla squadra riportandola a contatto sul 30-27 a tre minuti dall’intervallo lungo. Calvani chiede la massima applicazione ai suoi giocatori che con un libero di Maresca si rifanno sotto ma Trapani sfrutta il bonus a suo favore con tre liberi di Lowery (33-28). Il ritmo s’accende ulteriormente, un tap in di Fantoni viene annullato da una bella iniziativa personale di Parker. Si entra nell’ultimo minuto coi due punti di Young e la risposta di Renzi, bravo a recuperare una palla vagante persa banalmente dalla difesa ospite. La squadra di Calvani segna sempre con Young a gioco fermo, un bel primo tempo si chiude con un’altra stoppata di Fantoni su Ianes e le due squadre divise da appena tre punti (37-34). Per i locali i numeri migliori li riserva Baldassarre (11 punti), unico in doppia cifra mentre Barcellona ha due uomini in doppia, Fantoni (12) e Young (11) ma una situazione falli deficitaria con tre personali di Filloy. Da sottolineare la scarsa vena della squadre da oltre l’arco col 20% di Barcellona a cui risponde la squadra di Lardo col 14%.

Fantoni "stoppa" Lowery

Fantoni “stoppa” Lowery

Il secondo tempo si apre con la conferma sul parquet di Ganeto mentre Trapani gioca con tre lunghi (Rizzitiello-Baldassarre e Renzi). E’ lo stesso ex Verona a pareggiare i conti (a quota 37) con la terza tripla del suo match che ridà fiducia alla truppa giallorossa. L’ex Rizzitiello segna quattro punti consecutivi punendo prima un tardivo rientro della difesa ospite e poi buttandosi dentro l’area avversaria; è sempre Fantoni a farsi rispettare sotto il tabellone avversario con una correzione a canestro volante che vale il nuovo meno due (41-39). Rizzitiello (10 punti in sei minuit) si erge ad autentico protagonista mettendo anche due triple in sequenza che infiammano il pubblico del PalaIlio mentre la Sigma risponde solo con l’azione acrobatica di Alex Young. Calvani decide di rischiare Filloy che lo ripaga subito con due punti, poi è lo stesso Young a realizzare la tripla del meno uno (47-46). La Lighthouse mantiene la leadership dell’incontro con un piazzato di Baldassarre cui ribatte Fantoni, assoluto totem del pitturato granata. E’ sempre Rizzitiello (12 punti nel quarto) a dare certezze all’attacco locale con un canestro più fallo prima del botta e risposta a distanza con Fantoni (51-50). Il quarto finisce con Collins che indovina due triple che infiammano lo spicchio di tifosi ospiti con la squadra di Calvani che dopo un lungo inseguimento rimette la testa avanti sul 51-56. Barcellona difende bene, solo quattordici punti subiti a fronte di 22 seganti ed in vista degli ultimi dieci minuti può difendere cinque punti di vantaggio.

E’ ancora di Barcellona il primo canestro dell’ultimo quarto con capitan Maresca che corregge un errore di Ganeto, per Trapani tocca a Renzi spezzare il digiuno offensivo (53-58). Lo stesso Maresca fa 2/2 ai liberi e Barcellona può toccare il massimo vantaggio sul più sette. Natali sbaglia un facile appoggio e Trapani si rifà sotto con Parker ed il tifo dei 4000 del suo palasport. Collins con l’aiuto del tabellone da otto metri realizza la sua terza tripla dell’incontro (55-63) e la Sigma mette paura all’avversario. Ottima la difesa giallorossa che con Fantoni trova il primo vantaggio in doppia cifra di questo derby da ricordare per sportività e passione sugli spalti. Lowery non ci sta e riduce le distanze in uscita dal time out ma l’assoluto protagonista sul parquet è il play di Crisfield che insacca la quarta tripla nel solo secondo tempo (57-68), poi da un ennesimo recupero è Maresca a subire fallo ed andare in lunetta. La mano del capitano non trema e Barcellona conduce le danze di tredici punti. Baldassarre fa 1/2 ai liberi prima che una palla sanguinosa pesa da Collins si tramuti in due punti facili per Parker che valgono il nuovo meno dieci (60-70 a 5’ dalla conclusione). La Sigma commette un’infrazione di cinque secondi sulla rimessa e Baldassarre può scrivere a referto altri due liberi. I ragazzi di Calvani rispondono con la stessa moneta, il 2/2 di Maresca. Poi arriva la svolta della gara, il fallo tecnico comminato a coach Lardo. Barcellona lo sfrutta alla perfezione, prima Collins mette i liberi (62-74), poi Maresca in zingarata segna il + 14. Trapani ha bisogno di due punti veloci e li trova dalla carità con Renzi. Parker dà nuove speranze ai suoi prima che Lowery subisca un fallo antisportivo a metà campo da Maresca a tre giri di lancette dalla fine. Il folcloristico giocatore granata non perdona ma Barcellona riorganizza le idee per il nuovo attacco. Collins subisce fallo e dalla lunetta è perfetto (68-78) prima di rendersi protagonista di una grande giocata difensiva, recuperando palla ed andando in lunetta a seguito di un contatto. Il play di Crisfield ne mette uno, sull’azione seguente Filloy commette il suo quinto fallo ed esce dai giochi. Lowery è il più ispirato in questa fase segnando la tripla dall’angolo che lascia nuove speranze in casa granata. Tocca a Young forse scrivere la parola fine a questo derby col canestro più fallo che vale il 72-82. Rizzitiello muove il tabellino di casa, poi Fantoni subisce il fallo antisportivo da Baldassarre ma sbaglia entrambi i liberi. La partita s’accende anche per decisioni cervellotiche della terna che commina due tecnici (uno a Lowery) a Trapani. La Sigma è avanti di dieci ed il suo pubblico può far festa. La tripla di Young fa scorrere i titoli di coda sul big match in terra trapanese (74-87), Parker sigla il meno undici poi l’ex paladino arrotonda le sue cifre. Nel finale arriva l’espulsione di Baldassarre per proteste. Finisce per 76-93 tra le proteste della squadra di casa e la gioia degli ospiti. E’ il quinto successo esterno per la Sigma, il secondo consecutivo della gestione Calvani arrivato su un campo caldissimo e praticamente inespugnato in questa stagione. L’entusiasmo è ritornato in riva al Longano e mercoledì ci sarà un altro sentitissimo derby, questa volta a Capo d’Orlando.

La gioia dei giocatori della Sigma Barcellona al suono della sirena finale

La gioia dei giocatori della Sigma Barcellona al suono della sirena finale (foto Pappalardo)

Lighthouse Trapani-Sigma Barcellona 76-93
Parziali: 12-13; 37-34 (25-21); 51-56 (14-22); 76-93 (25-37)
Trapani: Renzi 10, Bartoli ne, Lowery 14, Baldassarre 15, Bossi, Rizzitiello 16, Ianes (K), Tabbi, Parker 17, Ferrero 2. All: Lardo
Sigma Barcellona: Young 24, Maresca (k) 17, Natali, Collins 21, Filloy 2, De Leo ne, Ganeto 9, Iurato, Pinton ne, Fantoni 20. All: Calvani
Arbitri: Ursi, Rudellat e Gasparri

Questo il video con le migliori azioni della sfida tra Lighthouse Trapanie Sigma Barcellona:

Commenta su Facebook

commenti