Inizieranno presto i lavori per il sintetico al campo di rugby di Sperone

rugbyCLC ME - Amatori CT

Manca davvero poco e poi potranno iniziare i lavori sul terreno di gioco del campo di rugby di Sperone che diventerà il primo in Sicilia a dotarsi del sintetico. Tutto questo è stato il risultato della seduta della Commissione Sport e Cultura presieduta da Piero Adamo, che ha visto come ospiti i dirigenti dell’Unione Rugby Messinese, Riccardo Solano, Pino De Lorenzo, Salvatore Laudini, Ottavio Dejan e Leo Pidalà.

Seduta della Commissione Sport e Cultura sul campo di Sperone

Sarà proprio la società a sborsare i 950mila necessari per l’installazione del terreno in sintetico, anche se il progetto definitivo, già approvato e  con tutte le carte in regola, prevede anche l’ampliamento e l’ammodernamento delle tribune. In altre parole, l’intento è quello di creare una struttura in grado di ospitare quanti più appassionati possibile, per uno sport sempre più amato ed apprezzato anche alle nostre latitudini. Il progetto definitivo, come detto, ha avuto tutti i via libera necessari, adesso si attende solo la firma della convenzione col CONI, dopo di allora il Comune potrà diventare stazione appaltante.

La speranza è quella di far iniziare i lavori entro il prossimo mese di giugno. La durata degli interventi dovrebbe essere di circa 3 mesi, in modo da avere tutto pronto già all’inizio della prossima stagione agonistica. Il problema che però non può essere risolto dalla società, riguarda le condizioni in cui versa la strada di collegamento, sulla quale si dovrebbe intervenire grazie ai fondi del Masterplan. Resta un ultimo, ma non trascurabile dettaglio, legato al nome dell’impianto.

Clc Messina Rugby

Una mischia

La società ha già inoltrato la richiesta alla Commissione Toponomastica, affinché la stadio porti il nome di Arturo Sciavicco e Gaetano Di Lorenzo, due autentiche icone del rugby messinese. In attesa di ricevere una risposta, la richiesta che è stata accolta all’unanimità dalla Commissione Consiliare.

Commenta su Facebook

commenti