Impresa del Cus Unime. Vince a Catania con la Rainbow e porta la finalissima a gara 3

basketMartina Lombardo ( foto di Vincenzo Nicita Mauro)

Pronto riscatto del Cus Unime nella partita di ritorno della finale del campionato di serie B. Le peloritane hanno sbancato il parquet catanese, portando la serie sull’1-1 e costringendo la Rainbow a tornare a Messina domenica prossima per la decisiva “bella”.

Con tanta voglia di dimostrare il proprio valore ed un approccio ben diverso rispetto a gara 1, le ospiti sono andate subito in vantaggio (9-19 al 9’), grazie alla vitalità di Elisabetta Scardino che, schierata in quintetto, ripaga la fiducia di coach Buzzanca con un avvio fatto di punti, rimbalzi e falli subiti. Le etnee inseguono e, guidate dalla capitana Ferlito, non mollano, anche se il ritardo si stabilizza intorno ai dieci punti (21-32 al 18’).

Nella seconda metà dell’incontro il Cus soffre, sia per la concretezza delle giovani locali Patanè e Spampinato, sia per alcune discutibili decisioni arbitrali, e la Rainbow si avvicina pericolosamente (40-43 al 29’). Sembra profilarsi un altro arrivo in volata, ma l’ultima frazione si apre con Martina Lombardo in grande spolvero, che realizza 10 punti di fila e ricaccia lontano le avversarie (42-56 al 34’). Anche questo non è però l’allungo decisivo perché quattro triple rimettono in corsa le padrone di casa, gli arbitri ci mettono lo zampino, e la gara è di nuovo in bilico (54-56). Ma è il canto del cigno per la Rainbow. Il Cus non vuole sorprese e, con Certomà e Kramer, mette il sigillo in calce alla vittoria che pesa tanto nell’ottica di una possibile vittoria del campionato.

basket

Le due squadre si sono equivalse ( foto di Vincenzo Nicita Mauro)

Rainbow Catania – Cus Unime 58-65
Parziali: 14-19; 25-34; 42-46
Rainbow: Parrinello 2, Spina, Ferlito 10, Caruso 6, Bruno, Parisi 6, Marmo 2, Chiarella 2, La Manna 5, Patanè 13, Spampinato 12. All. Bruni.
Cus: Lombardo 18, Kramer 7, Natale 3, Borgia 9, Scardino 9, Certomà 11, Grillo, Licciardello, Ingrassia 8, Osso, Cascio. All. Buzzanca.
Arbitri: Attard L. e Attard M.

Commenta su Facebook

commenti