Il Sant’Agata lancia la campagna abbonamenti: tessere da 80 a 250 euro

Sant'AgataIl Sant'Agata ha già lanciato la campagna abbonamenti

Al via la campagna abbonamenti del Città di Sant’Agata. “Disputiamola, una squadra, una città… una casa”: è questo lo slogan scelto per la stagione calcistica 2020 – 2021, che segna il ritorno in D per la matricola nebroidea dopo ben 29 anni di attesa. “Diventa anche tu supporter della tua squadra, abbonati al campionato e vieni a tifare per la vittoria”, la frase che invita i tifosi ad acquistare una tessera e a sostenere il club.

Sant'Agata

Due i punti vendita per la prelazione: Meli Caffè di via Cernaia e l’area di Servizio Eni in via Medici

Due i punti vendita dove sarà possibile, in questo momento, effettuare la prelazione e successivamente perfezionare l’acquisto: Meli Caffè di via Cernaia e l’area di Servizio Eni in via Medici. La campagna abbonamenti sarà totalmente nominativa anche e soprattutto per problemi che potrebbero sorgere con l’emergenza Covid. È possibile, infatti, che sia autorizzata la presenza sugli spalti solo degli abbonati nominativi e questo penalizzerà, senza dubbio, chi non ha provveduto in tempo ad acquistare l’abbonamento.

Le tipologie di abbonamento saranno tre: Tribuna centrale numerata con poltroncina (si potrà scegliere il posto) al costo di 250 euro; Tribuna centrale, con posto libero, 120 euro e Curva mare con posto libero a 80 euro. La società si riserva due giornate biancoazzurre. L’abbonamento non sarà valido per le Coppe.

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma