Il Messina Volley sfiora l’impresa con il Castelvetrano

Il Messina Volley ci ha creduto fino alla fine senza, purtroppo, riuscire nell’impresa di soffiare punti in palio al forte Castelvetrano. Al PalaRescifina si è vista una gran bella partita, giocata da entrambe le formazioni con tanta determinazione. Più efficace l’attacco degli ospiti, più convincente la fase difensiva delle atlete di casa. Primo set senza storia con un Messina Volley impreciso in ricezione. Secondo parziale, invece, molto grintoso da parte delle atlete messinesi, sospinte da un pubblico amico caloroso (più di 200 spettatori), che impediscono alle ospiti di ragionare soprattutto grazie ad una incisiva battuta: risultato finale di 25-23. Siamo in parità. Brutto terzo parziale delle peloritane di mister Cacopardo, che permettono alle castelvetranesi di agguantare il primo dei tre punti in palio con un perentorio 16-25. Ottima performance di Donato e compagne nel quarto set, gestito al meglio fino al 18-15. Poi qualche imprecisione di troppo permette alle ospiti di salire in cattedra giocando punto a punto fino al 23-25 finale. Rammarico finale per il punteggio, ma tanta speranza e fiducia per il futuro tra le fila delle peloritane a fine gara. Un futuro che sarà privo della centrale Claudia Spadaro che ha disputato l’ultima gara nell’impianto di casa in maglia giallorossablu: per l’occasione gli è stata consegnata una targa-ricordo ad inizio match.

Il tecnico Danilo Cacopardo catechizza le sue giocatrici

Il tecnico Danilo Cacopardo catechizza le sue giocatrici

MESSINA VOLLEY-PASTA PRIME LUCI CASTELVETRANO TP 1-3 (15-25, 25-23, 16-25, 23-25)
MESSINA VOLLEY: Donato, Carnazza, Criscuolo, Spadaro, Fabiano, Scimone, Rando V. (L1), Montalto, Millo, Laganà, Mento, Cannizzaro, Oliveri (L2). All. Danilo Cacopardo
PASTA PRIME LUCI CASTELVETRANO TP : Isoldi, Greco, Modena, Di Como M., Sorrentino, Maiello (k), Di Como I., Corallo, Giallongo, Giacalone (L). All. Calcaterra V.
Arbitri: Rapisarda e Leopardi di Catania.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti