Il Messina riparte con fiducia. Domenica c’è il Francavilla dell’ex Avella

Curva SudLo striscione di incoraggiamento alla squadra (foto Paolo Furrer)

L’atteso ritorno in campo del Messina dopo una lunghissima sosta durata quasi cinque mesi non ha deluso le aspettative. I peloritani hanno mostrato luci e ombre. Tante le note liete, probabilmente anche di più di quanto era lecito attendersi da una formazione ringiovanita e molto rinnovata, che ha già fatto esordire dieci volti nuovi rispetto allo scorso torneo nella serata inaugurale del nuovo torneo contro il Crotone.

Trasciani

Trasciani in copertura su Giron (foto Paolo Furrer)

Si è già notata la mano del tecnico Gaetano Auteri, con la squadra che ha mostrato ritmo e trame di gioco apprezzabili. Subito incisivi Versienti, che ha offerto un assist al bacio a Marino, destinato a diventare il leader del centrocampo insieme a capitan Fofana. L’ex Seregno ha firmato la sua decima rete in carriera mentre nel finale, un po’ fortuitamente, è arrivato finalmente il primo centro tra i professionisti per Konate, che nel nuovo ruolo da esterno ha mostrato buone cose ma a tratti anche imprecisione e frenesia.

Significativi gli ingressi nella ripresa di Curiale, a un passo dalla rete su punizione, e Napoletano, arrivato con grande aspettative dal Parma. Ma la diapositiva più bella di domenica sera è stata rappresentata da una Curva Sud gremita. Una grande cornice di pubblico, apparso più numeroso dei numeri ufficiali (circa 3.000 tra paganti e abbonati). Ci sono però anche tanti aspetti sui quali lavorare, inevitabili per un gruppo così giovane, sceso in campo con quattro under tra porta e difesa.

Angileri

Kargbo in pressing su Angileri (foto Paolo Furrer)

Alcuni meccanismi della retroguardia vanno oliati, come dimostra l’avvio di ripresa, al di là di alcuni contestati episodi arbitrali, in attesa dei rientri di Camilleri e Ferrini, che potranno garantire ben altra esperienza al reparto. Da recuperare appieno c’è ovviamente Fazzi, già elemento determinante nel passato torneo, mentre Auteri in settimana avrà modo di conoscere anche gli ultimi acquisti Mallamo e Iannone, che amplieranno le alternative in mezzo al campo e in attacco.

Domenica pomeriggio è in programma la prima trasferta stagionale sul campo della Virtus Francavilla. Settimana tipo per la squadra giallorossa. Gli allenamenti sono ripresi nel pomeriggio di martedì allo stadio “Franco Scoglio”. Da mercoledì le sedute si sposteranno sul sintetico della Cittadella Universitaria con una doppia seduta. Giovedì e venerdì in programma un solo allenamento pomeridiano, quindi sabato mattina la seduta di rifinitura e la partenza per la Puglia.

Acr Messina

Il Messina ringrazia la Curva Sud per il sostegno (foto Paolo Furrer)

La formazione della provincia di Brindisi ha aperto il campionato con un 2-2 sul campo della Turris, dove in appena sette minuti ha rimontato un doppio svantaggio, grazie alle reti di Maiorino su calcio di rigore e del brasiliano Murilo, prelevato in estate dalla Viterbese. In porta ci sarà l’ex Michele Avella, che collezionò 26 presenze nell’Acr nella stagione 2019/20, prima delle esperienze con Casertana e Ancona.

Nelle ultime ore di calciomercato il Messina era stato peraltro ad un passo dall’acquisto di Federico Mastropietro, reduce da una stagione con sei reti e tre assist in Puglia, che è stato escluso dai convocati e sembra quindi ai margini della rosa. Sarà un test importante, che precederà l’impegno infrasettimanale con la Viterbese e la doppia trasferta di Avellino e Catanzaro.

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma