Il Messina non vuole più fermarsi: a Matera per cancellare l’onta dello 0-5

L'undici titolare che ha travolto la Reggina

Lo 0-5 dell’andata è una ferita ancora aperta. Un girone dopo la tremenda batosta contro il Matera il Messina si è preparato al match di domenica con ancora impresso il tracollo, in un solo tempo, accusato al San Filippo al cospetto dei lucani. Nessuno ha dimenticato quella giornata nerissima. Anche per questo la voglia di confermare di essere sulla strada giusta dopo il derby stravinto contro la Reggina è davvero tanta. Al gruppo si sono aggregati l’austriaco di origini serbe Spiridonovic ed il laterale sinistro Rullo, appena tesserato dal Lecce.

Per Grassadonia finalmente una panchina nutrita: non è stato necessario il ricorso alla "Berretti"

Per Grassadonia finalmente una panchina nutrita: non è stato necessario il ricorso alla “Berretti”

L’esterno offensivo giunto in prestito dal Vicenza scalpita e potrebbe trovare subito spazio, almeno a gara in corso, mentre l’ex salentino ha disputato appena due sfide in questa stagione, una in campionato e l’altra in Coppa Italia, ed ha dunque bisogno di ritrovare il ritmo partita. Dalla Puglia offrono comunque rassicurazioni sulla sua tenuta fisica, anche perché si è sempre allenato con il gruppo in questi mesi di scarso impiego. Buone anche le indicazioni emerse dal test infrasettimanale al “Celeste” con sparring partner la formazione “Berretti”. Cinque i gol, con doppiette di Corona e Bonanno ed un centro di Orlando.

Diciannove i convocati di Grassadonia, tra cui Spiridonovic e Rullo. L’emergenza delle ultime settimane è decisamente alle spalle. Nessun elemento della “Berretti” in panchina, dove il tecnico avrà a disposizione alternative in ogni reparto. Si rivedono infatti Enrico Pepe e Silvestri, reduci da lunghi infortuni. Sempre out i lungodegenti Nigro e Marin. A Matera, dove si giocherà alle 12.30 e sarà la quinta volta per il Messina di mattina in questo torneo, dovrebbe essere riproposta la difesa del derby.

Cane vive un momento di forma straordinario: sarà decisivo anche a Matera?

Cane vive un momento di forma straordinario: sarà decisivo anche a Matera?

Davanti a Iuliano, dunque, Cane, Stefani, Altobello e Benvenga. Donnarumma è l’alternativa per la fascia sinistra. In mezzo al campo Mancini, scontata la squalifica, si riprenderà il posto, con Izzillo ed uno tra Bortoli e Damonte. In avanti Ciciretti, Corona ed Orlando, ma l’ex dell’Aversa Normanna è adesso insidiato da Spiridonovic. A Matera, in otto precedenti, il Messina non ha mai vinto e proverà a sfatare il tabù sull’onda lunga del derby e con l’entusiasmo portato dai nuovi acquisti.

Al settimo posto in graduatoria con 35 punti, frutto di nove vittorie, otto pareggi e cinque sconfitte, il Matera ha perso al “Via del Mare” un’imbattibilità che durava da nove turni. A quattro lunghezze dalla quarta piazza, l’ultima utile per agganciare il treno playoff, i biancazzurri non possono più sbagliare. Nel catino del “Franco Salerno”, dove soltanto Cosenza e Salernitana sono riuscite ad imporsi, Iannini e compagni sanno spesso esaltarsi, come dimostrato nella precedente gara in notturna con la Juve Stabia.

Dopo la rete alla Reggina Bortoli si candida ad una conferma, anche se sarà dura avere la meglio su Izzillo o Damonte

Dopo la rete alla Reggina Bortoli si candida ad una conferma, anche se sarà dura avere la meglio su Izzillo o Damonte

Per la sfida di domenica Auteri dovrà però rinunciare a due importanti pedine. Il difensore D’Aiello, che nella seconda parte dello scorso campionato fu una delle colonne del Messina nella cavalcata verso la promozione e l’attaccante Letizia, tra i mattatori all’andata con una doppietta nel roboante 0-5, sono infatti stati squalificati dal Giudice sportivo. Il modulo base, a trazione anteriore, resta il 3-4-3. In difesa, davanti al portiere Bifulco, agiranno Flores, De Franco e Mucciante. A centrocampo la qualità di Ferretti, Iannini, Coletti e Mazzarani. In avanti spazio al trio composto da Madonia, Diop e Carretta.

Commenta su Facebook

commenti