Il Contesse torna in Seconda Categoria, Argento: “Promozione meritata”

Una formazione del ContesseIl Contesse che ha battuto la Juvenilia nella finale playoff di terza Categoria

Il Fc Contesse riconquista la Seconda Categoria due stagioni dopo la dolorosa rinuncia per motivi economici. Alla fine del campionato 2012-13, il presidente Restuccia gettava la spugna e dopo un anno senza calcio, nell’estate 2014 i calciatori hanno chiesto all’allenatore Argento di ricostruire il giocattolo, a costo di autotassarsi. E’ nato così il Contesse attuale, dalla voglia di fare calcio di un manipolo di ragazzi affezionati alla maglia gialloblù, un richiamo al quale Domenico Restuccia, giovane avvocato di Contesse, non ha saputo resistere. Uno alla volta, richiamati dalla presenza del loro amico-allenatore Andrea Argento, sono tornati a casa i ragazzi del Contesse, tutti con la stessa voglia, quella di riconquistare una categoria che avevano dovuto abbandonare forzatamente. Alla fine della gara decisiva, vinta per 2-0 contro la Juvenilia, hanno dato sfogo alla loro felicità nello spogliatoio del Marullo.

Fc Contesse, Argento Restuccia

L’allenatore del Contesse Andrea Argento ed il presidente Domenico Restuccia

Andrea Argento, dopo l’esperienza sulla panchina del Messina Sud in Prima Categoria, è stato uno degli artefici principali di questa vittoria, al termine del match appare raggiante: “Ritengo che sia una vittoria meritata per quanto abbiamo fatto vedere in tutta la stagione. Siamo partiti in ritardo, però strada facendo abbiamo dimostrato dei valori importanti che siamo riusciti a mettere in campo anche in questi playoff e abbiamo ottenuto meritatamente il salto di categoria”. Quella contro la Juvenilia è stata una gara ben giocata dalla sua squadra, avete disputato un ottimo primo tempo, sbagliando tante occasioni, poi nella ripresa avete ben gestito il match, colpendo nel momento giusto: Questa è una nota dolente, in ogni partita abbiamo bisogno di creare tante occasioni da gol per andare a realizzare marcature, magari non siamo cinici, però siamo riusciti a capitalizzare le occasioni che ci servivano. Nel primo tempo abbiamo provato ad attaccare di più, nel secondo siamo stati bravi a gestire, giocando con tanti giocatori sotto al linea della palla, difendendoci con ordine e concedendo praticamente nulla ad una squadra fortissima come la Juvenilia”.

Contesse e Juvenilia schierate a metà campo

Contesse e Juvenilia schierate a metà campo

La Juvenilia lamentava qualche assenza importante, però questo Contesse era difficile da battere:  “Le assenze durante la stagione e durante i playoff ce l’hanno tutte le squadre, anche a noi mancava un giocatore importante come Gismondo, anche a noi mancava un giocatore che ha risolto tante partite e che ci ha portato nove punti come Pandolfino, anche noi venivamo da una battaglia contro lo Stromboli giocata soltanto tre giorni prima, quindi i pro e i contro, ce li hanno tutte le squadre, non soltanto loro. Anche noi non eravamo nelle condizioni perfette per giocare una partita che fra l’altro non abbiamo avuto il tempo di preparare”.

Festa negli spogliatoi del Contesse

Si fa festa negli spogliatoi del Contesse

Il suo Contesse alla fine ha dato il massimo, è riuscito ad ottenere la promozione ed è tornato in Seconda Categoria dopo averla lasciata due anni fa: “Questa è la cosa che mi inorgoglisce parecchio, perché come ho detto qualche volta nello spogliatoio, affermarsi era relativamente facile, confermarsi è la cosa più difficile e noi abbiamo avuto la forza di tornare in quella categoria vincendo un campionato sul campo, abbiamo vinto oggi i playoff e abbiamo avuto la possibilità di festeggiare nuovamente. Riuscire a festeggiare una seconda volta significa che il nostro è un calcio importante, un calcio vincente”. 

Contesse festeggia la promozione

La festa del Contesse è proseguita anche dopo la partita

I ragazzi hanno dimostrato di tenerci tanto quest’anno, si sono autotassati, è stata una stagione veramente bellissima quella del Contesse: “I ragazzi sono encomiabili, è un gruppo intelligentissimo, un gruppo con una disponibilità al lavoro incredibile. Sono una squadra fantastica, io sono onorato di poter allenare questa squadra e questi ragazzi, mi sacrifico con piacere  per tutto ciò che faccio con loro sul campo”. Lo sguardo adesso è proiettato al futuro:  “Il prossimo anno cercheremo di essere protagonisti anche in Seconda Categoria. Cominceremo a crescere e puntelleremo l’organico laddove serve , comunque i giocatori saranno riconfermati tutti. Cercheremo di lavorare ancora meglio, noi vogliamo fare bene anche in Seconda Categoria e far vedere che il calcio di Contesse non è inferiore a quello delle altre squadre della provincia di Messina”.

Commenta su Facebook

commenti