Il Città di Messina cade nel finale a Nocera (1-0). Ruggiero fa esultare i rossoneri

RuggieroRuggiero ha appena firmato il gol partita per la Nocerina (foto Eduardo Fiumara - ForzaNocerina)

Un Città di Messina poco lucido e compassato subisce la seconda sconfitta consecutiva in campionato in quel di Nocera Inferiore, sprofondando nella zona rossa della classifica dopo appena tre giornate. Gli uomini di Furnari hanno ceduto di misura contro una Nocerina forse più propositiva e tatticamente posizionata meglio in campo, che ha ottenuto il primo bottino pieno della stagione con il guizzo nella ripresa da parte di Ruggiero. Un insuccesso che costringe i giallorossi a rivedere qualcosa, soprattutto sotto l’aspetto mentale ed organizzativo, in attesa di aprire le porte al Portici per il quarto turno del girone I di Serie D.

Bombara

Il saluto tra i capitani Caso e Bombara (foto Eduardo Fiumara – ForzaNocerina)

L’inizio non è dei più memorabili ed entrambe le formazioni stentano in fase di costruzione. Il primo brivido arriva in casa Città di Messina, quando Amella si complica la vita in fase di disimpegno spianando la strada a Simonetti in piena area di rigore. L’attaccante rossonero viene però fermato sul più bello da Trevizan, fondamentale nel recupero del pallone. All’11’ su una ripartenza ci prova ancora il centravanti campano, che stavolta viene messo alle strette da un super Bombara. I ritmi sono tuttavia troppo bassi per regalare qualcosa di concreto ed i peloritani attendono la manovra avversaria, concedendo molto possesso palla alla Nocerina.

Al 17′ Feuillassier spezza i ritmi con una frizzante incursione, ispirata da Galesio. Il fantasista ispano-argentino conclude a rete a due passi dalla porta difesa da Feola, sfiorando il vantaggio con una conclusione che sfiora il palo. Per rivedere un’altra azione degna di nota bisognerà però attendere un altro quarto d’ora. Al 33′ infatti arriva la replica dei padroni di casa, che sull’asse Simonetti-Orlando tentano di rendersi pericolosi con quest’ultimo dalle parti di Amella. Cinque minuti dopo Cardia replica con una conclusione che però si innalza troppo al di sopra della porta dei molossi. Lo stesso centrocampista ci riproverà dopo appena quattro minuti su calcio di punizione, ottenendo comunque il medesimo esito.

Quintoni e Galesio

Quintoni e Galesio provano a recuperare un possesso (foto Eduardo Fiumara – ForzaNocerina)

La ripresa regala al pubblico del “San Francesco” lo stesso monologo per i primi dieci minuti, fin quando Ruggiero non impegna Amella dalla lunga distanza. L’estremo difensore classe ’99 tuttavia non trattiene la conclusione del centrocampista rossonero, favorendo il conseguente inserimento di Orlando. L’attaccante viene però stoppato al momento della battuta dallo stesso estremo difensore giallorosso, rapido a bloccare il tap-in vincente. Dopo appena cinque minuti è ancora Orlando protagonista dell’azione campana, mancando l’appuntamento con il gol per un nulla dopo il suggerimento di Festa.

Al 70′ arriva l’episodio chiave della sfida quando Ruggiero, servito su rimessa laterale, brucia il tempo alla retroguardia siciliana entrando in area di rigore. A tu per tu con Amella il centrocampista classe ’93 non può sbagliare, firmando il vantaggio per i padroni di casa, complice il bacio del pallone alla traversa. Da questo momento la gara inizia a prendere un binario diverso da quello iniziale, ed i gialli iniziano a fioccare sul taccuino del signor Taricone. All’82’ un fallito disimpegno di Caso favorisce l’incursione di Galesio, che di testa prova a riequilibrare i conti. Il pallone finisce però a lato della porta difesa da Feola.

Trevizan e Cardia

Trevizan e Cardia in azione a Nocera (foto Eduardo Fiumara – ForzaNocerina)

Il finale è infuocato e nel folto recupero di sei minuti il direttore di gara al 95′ manda sotto la doccia Cioffi per condotta antisportiva nei confronti di Galesio e al 96′ Codagnone per un bruttissimo fallo a gamba tesa. Il Città di Messina ha peccato di lucidità contro una Nocerina che ha compiuto il minimo sforzo per portare a casa i tre punti. Appuntamento dunque rimandato alla prossima domenica, nella quale i giallorossi non dovranno assolutamente steccare contro il Portici in quello che si prefigura già come un autentico scontro salvezza.

Nocerina-Città di Messina 1-0 
Marcatore: 71’ Ruggiero.
Nocerina (3-5-2): Feola; Vuolo, Salto, Caso; Coulibaly (19’ Festa), Cardone, Ruggiero (85’ De Feo), Odierna, Vatiero (90+3’ Di Fraia); Simonetti (81’ Giorgio), Orlando (63’ Cioffi). A disp.: Scolavino, Avvardo, Barzaghi, Di Martino. All. Gerardo Viscido.
Città di Messina (3-5-2): Amella; Bellopede (46’ Dama), Bombara, Trevizan; Cannino, Cardia, Ferraù (77’ Graziano), Quintoni (58’ Calcagno) Fragapane (81’ Bonamonte); Feuillassier (85’ Codagnone), Galesio. A disp.: Paterniti, Berra, Nicosia, Silvestri. All. Antonino Torre.
Arbitro: Simone Taricone di Perugia. Assistenti: Biancucci di Pescara e Pizzi di Termoli.
Note: pomeriggio mite e soleggiato. Terreno in non perfette condizioni. Ammoniti: Caso (N), Trevizan (M). Espulsi: Cioffi (N) al 95’ e Codagnone (M) al 96’. Calci d’angolo: 3-1. Recupero: 3’ pt, 7’ st. Spettatori: 500 circa.

The following two tabs change content below.
Filippo D'Angelo

Filippo D'Angelo

Passione sfrenata per il calcio ed il giornalismo. Sogna di diventare telecronista sportivo e nel frattempo è voce di un programma radio e firma di più testate online

Commenta su Facebook

commenti