Igea, Lo Monaco: “Il ko col Siracusa non ci ridimensiona. Pesa il gol a freddo”

IgeaIl portiere Lo Monaco e la difesa igeana impegnata contro il Siracusa

Un passo falso che non ridimensiona quanto di buono fatto fin qui. L’Igea vuole dimenticare la sconfitta contro il Siracusa, che domenica ha violato il “D’Alcontres-Barone” con un perentorio 3-1, infliggendo ai barcellonesi la prima sconfitta stagionale. Gli aretusei si sono messi alle spalle l’inaspettato ko contro l’Acquedolci, mentre i giallorossi sono tornati sulla terra dopo i successi con Virtus Ispica e Atletico Catania. Sarebbe ingeneroso, tuttavia, far partire i processi verso la squadra di Furnari, che comunque ha giocato una buona gara, contro una delle favorite per la vittoria finale.

Antonio Lo Monaco

Antonio Lo Monaco è il portiere dell’Igea

Quando di fronte ci sono due formazioni attrezzate a decidere la gara possono essere gli episodi e per l’estremo difensore giallorosso, Antonio Lo Monaco, il gol di Alfieri, dopo poco più di un minuto, ha indirizzato l’esito dell’incontro: “Quando giochi contro una squadra così forte, attrezzata per stravincere il campionato e con tanti giocatori che c’entrano poco con questa categoria, già ci sono delle difficoltà. Se poi ti ritrovi sotto di un gol dopo settanta secondi e sei costretto a inseguire per tutto il resto della gara diventa ancora più complicato. Credo che, però, serva equilibrio nei giudizi. Sarà banale dirlo, ma come non eravamo fenomeni sette giorni fa non siamo dei brocchi adesso. Abbiamo perso una partita, può capitare, guardiamo alla prossima sfida, che sarà complicata”.

Il Siracusa ha messo a nudo qualche fragilità che non si era vista nelle prime due partite. Lo Monaco spiega: “Credo che il primo tempo non sia stato giocato al massimo delle nostre potenzialità: eravamo lenti e un po’ troppo prevedibili, ma come ho detto prima forse quel gol a freddo ci ha tagliato le gambe. Nella ripresa abbiamo giocato meglio: complessivamente credo che il punteggio sia troppo ampio, non ci sono due gol di differenza tra noi e il Siracusa. Non usciamo ridimensionati da questa partita: il campionato è appena iniziato, ci sono tante partite da giocare e dimostreremo il nostro valore”.

Igea

Una fase della sfida del D’Alcontres

Il calendario dà ora l’opportunità per l’immediato riscatto nella trasferta in casa dell’Acicatena: “Non sarà una partita semplice, anzi, sarà una battaglia. Loro ancora non hanno raccolto punti e giocheranno con il coltello tra i denti, è una squadra abituata a questa categoria. Affrontare le squadre catanesi non è mai semplice – ha concluso il portiere barcellonese –. Abbiamo già sfidato l’Atletico, anche se loro venivano da un successo. Noi, però, vogliamo dimenticare questa sconfitta. Il modo migliore per ripartire è ottenere subito i tre punti e riprendere confidenza con la vittoria. Il pubblico? Per loro sarebbe una marcia in più”. Ma al momento la riapertura degli impianti sembra decisamente lontana.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva