Il Gruppo Zenith Messina a Catania a caccia del terzo successo consecutivo

Carnazza in azione

Ultima trasferta della stagione regolare per il Gruppo Zenith Messina. I peloritani affrontano in anticipo sabato il CUS Catania, ultima in graduatoria con 4 punti all’attivo. Gara non proibitiva sulla carta, che la squadra allenata da Francesco Anselmo dovrà però affrontare con la giusta determinazione per non vanificare quanto di buono fatto nelle ultime settimane. Gli scolari, infatti, hanno conquistato quattro vittorie nelle ultime sei partite ed hanno guadagnato qualche posizione in classifica, raggiungendo quota 16 a pari merito con l’Agatirno. I paladini però devo recuperare una gara in casa contro l’Alfa Catania impegnata nella lotta per centrare una posizione privilegiata nella griglia dei playoff. Sarà comunque un finale di stagione tutto da vivere, in cui si decideranno i destini di quelle formazioni invischiate nella lotta per i playoff e i playout. In quest’ottica, Carnazza e soci non potranno più sbagliare. Diventa fondamentale, dunque, vincere a Catania per poi preparare l’ultimo decisivo match casalingo con il Gravina.

Il giovane Vincenzo Marabello (Zenith)

Il CUS Catania, allenato da Giuseppe Guadalupi, prossimo avversario del Gruppo Zenith, ha perso nel finale di campionato elementi di spicco del proprio organico come Lo Faro, Bonaccorsi e Abramo, e vuole chiudere degnamente questa stagione non particolarmente brillante. La Basket School Messina, dal canto suo, insegue il terzo successo consecutivo e si presenterà in terra etnea con il nuovo acquisto Gianlorenzo Corazzon. Nel corso della settimana non ha forzato Joshua Caldwell, uscito malconcio nel finale della sfida con il Licata. La squadra sarà comunque al completo e avrà modo di rodare gli schemi in vista di impegni ben più probanti, che la attendono in questo finale di stagione.

Palla a due per CUS Catania – Gruppo Zenith Messina alle ore 19 di sabato 4 marzo 2017, al PalaCUS, dirigeranno il match i signori Alex Di Mauro e Luca Attard di Priolo Gargallo.

Commenta su Facebook

commenti