Grassadonia sorride per i rientri di Bucolo e Nigro. Sempre a parte E. Pepe e Altobello

Nigro, tornato disponibile

La battuta d’arresto rimediata al “San Filippo” con il Foggia non ha incrinato le certezze in casa Messina. La striscia positiva si è fermata a quattro risultati utili e la prima metà della classifica è adesso più lontana, ma ripartire dalla buona prova offerta al cospetto dei rossoneri, provando ad osare di più in certe fasi della partita, è adesso quanto mai d’obbligo in vista della prossima trasferta di Cosenza. Sabato al “San Vito” (si giocherà con inizio alle ore 15) Grassadonia potrà finalmente tornare ad avere maggiori possibilità di scelta, dopo aver preparato in uno stato d’assoluta emergenza la precedente gara con i pugliesi. Contro la formazione di De Zerbi il tecnico giallorosso era infatti stato costretto a varare un centrocampo inedito, composto dai giovani Bortoli e Izzillo insieme a Damonte e Vincenzo Pepe. A confortarlo sono ora i rientri dei pilastri Bucolo e Nigro. Il primo ha scontato il turno di squalifica impostogli dal Giudice sportivo, mentre l’ex di Ischia e Rimini ha ripreso a lavorare in gruppo dopo aver superato i problemi fisici, accentuati dalla ricaduta accusata nel match di Coppa Italia a Salerno che lo aveva messo fuori gioco anche con il Foggia.

La carica agonistica di Bucolo (foto Paolo Furrer)

La carica agonistica di Bucolo (foto Paolo Furrer)

Ancora differenziato, invece, per Enrico Pepe e Altobello, da ritenersi dunque out anche per la sfida in terra calabrese, mentre Bonanno ha regolarmente partecipato alla partitella a ranghi misti giocata nel pomeriggio di mercoledì, dopo essersi fermato ad inizio settimana. La positiva prestazione al centro della difesa di Silvestri, che ha affiancato nell’ultimo match Stefani, regala tuttavia maggiore tranquillità a Grassadonia che va verso la conferma dello stesso pacchetto arretrato, con Benvenga e Donnarumma sulle corsie esterne. In avanti probabile che si riparta da Corona e Orlando, supportati da Vincenzo Pepe, ma Bjelanovic scalpita dopo il convincente spezzone di domenica. Al “San Vito”, dove il Messina vanta una tradizione poco favorevole, troverà un avversario a caccia di punti per uscire dai bassifondi della classifica. Con Roselli al debutto in panchina i silani hanno perso soltanto di misura a Lecce, mostrando importanti segnali di crescita. Superare l’ostacolo Cosenza e poi fare la voce grossa contro Aversa Normanna e Martina darebbe ai giallorossi nuovo slancio per risalire in graduatoria.

Bonanno, tornato disponibile

Bonanno, tornato disponibile

Intanto l’ACR vivrà un nuovo momento dedicato alla solidarietà, continuando la sua lotta contro l’emarginazione ed il disagio sociale. Giovedì pomeriggio, dopo l’allenamento, una delegazione della squadra renderà visita infatti ai giovani ospiti della comunità alloggio “Villa Sorriso Padre Annibale” della Congregazione dei Padri Rogazionisti di viale Principe Umberto.

Commenta su Facebook

commenti