Giacoppo: “All’Europeo veste diversa. Sogno un’altra Olimpiade”

Massimo Giacoppo

Il  bronzo agli ultimi Europei ha ulteriormente impreziosito un palmares già ricco. Nella spedizione ungherese del Settebello il messinese Massimo Giacoppo, tra i pilastri della Nazionale allenata da Sandro Campagna, ha recitato un ruolo chiave per la conquista di una medaglia che “pesa”. Classe 1983, il giocatore in forza alla Pro Recco aveva esultato in precedenza con la calottina azzurra per gli argenti all’Europeo di Zagabria del 2010 e all’Olimpiade di Londra del 2012. Il terzo posto in terra magiara, centrato in virtù del successo sul Montenegro nella “finalina”, ha avuto adesso per lui un sapore davvero particolare. “E’ stata un’esperienza nuova. Ero il più “vecchio” tra i giocatori di movimento e dunque l’ho vissuta in una veste diversa. Si è trattato di una bellissima competizione, nella quale abbiamo ottenuto la medaglia di bronzo esprimendo anche un bel gioco”.

Giacoppo sul palco del Vittorio Emanuele per l'evento dedicato a Nibali (Roberto Lembo)

Giacoppo sul palco del Vittorio Emanuele per l’evento dedicato a Nibali (Roberto Lembo)

Se Giacoppo è tra la certezze, tanti i volti nuovi proposti da un Settebello che ha sfiorato l’impresa in semifinale, venendo battuto di misura dai padroni di casa dell’Ungheria. “Anche i nuovi hanno giocato da veterani, la squadra in questo momento si sta rigenerando. Abbiamo fatto bene, ma probabilmente si poteva fare ancora qualcosa in più e questo può servire di certo da sprone per il futuro”.

Il grande traguardo, con la qualificazione ai Mondiali del 2015, è rappresentato dai Giochi di Rio del 2016. Il c.t. Campagna ha più volte ribadito che le porte della Nazionale restano aperte a tutti, giovani o senatori. Giacoppo, dopo l’esaltante avventura di Londra, non nasconde il suo sogno: “Partecipare ad un’altra Olimpiade sarebbe fantastico. Ogni anno è però una lotta per riconquistarsi il posto in vista di una manifestazione importante. Cercherò di vincere tutto col mio club e di dare tutto in Nazionale”.

Il partecipato momento dell'Inno d'Italia (Giovanni Isolino)

Il partecipato momento dell’Inno d’Italia (Giovanni Isolino)

L’evento dedicato a Vincenzo Nibali, andato in scena al Teatro Vittorio Emanuele, lo ha visto tra gli ospiti d’onore. Segno di una città che ha regalato in questi anni tanti campioni al mondo dello sport. “E’ stata una manifestazione molto bella. Non pensavo di emozionarmi tanto, invece quando ho visto scorrere le immagini di Vincenzo protagonista al Tour de France ho ripensato a quello che provo in occasione degli importanti podi. Sono onorato di aver partecipato ad un simile evento”.

Commenta su Facebook

commenti