Froome trionfa al Delfinato e sogna il bis al Tour. Ma Nibali c’è

DelfinatoCriterium du Dauphiné 2015 - 17/06/2015 - Etape 8 - Saint-Gervais Mont Blanc / Modane Valfréjus - 156,5 Km - France - Christopher FROOME (SKY) remporte la derniére étape de ce Dauphiné

Il messaggio di Chris Froome arriva forte e chiaro. E non si limita al Giro del Delfinato, conquistato con un ribaltone all’ultima tappa, la Saint Gervais Mont Blanc-Modane Valfréjus di 156,5 km. Il britannico di Sky aveva già vinto il Delfinato nel 2013, prima di prendersi il Tour de France 40 giorni dopo. Gli altri pretendenti alla maglia gialla di Parigi sono avvisati…

Delfinato

Vincenzo Nibali in azione sotto la pioggia

L’ATTACCO — Il Delfinato 2015 si è deciso sul Frejus, l’ultima salita. Froome ha attaccato a 2,6 km dall’arrivo ed è andato a riprendere il connazionale Stephen Cummings (MTN Qhubeka) che era solo in testa. Dal gruppo, che era composto anche da Daniel Martin, Rui Costa, Simon Yates e Romain Bardet, è partito all’inseguimento Van Garderen, lo statunitense della Bmc che aveva indosso la maglia gialla con una dote di 18″ sul britannico. Froome l’ha staccato poi inesorabilmente a 1,2 dall’arrivo, e ha sprintato fin sulla linea d’arrivo per prendersi la maglia. Van Garderen ha ceduto e nella volata per il secondo posto, proprio a 18” da Froome, è stato preceduto anche da Simon Yates e Rui Costa. Ma per effetto degli abbuoni (Froome ha incassato 10” di bonus) avrebbe perso il Giro ugualmente.

Delfinato

Dopo una tappa lo “squalo dello Stretto” è stato costretto a rinunciare alla maglia gialla ma è stato comunque un piacevole tuffo nel passato…

NIBALI IN GAMBA — Sull’ultima salita si è visto anche Vincenzo Nibali: a 7,5 km dall’arrivo si è messo in testa al gruppo a tirare per cercare di favorire un attacco di Scarponi. Il siciliano è andato a riprendere Alejandro Valverde, partito all’inseguimento di Cummings. Dopo quasi 2 km e mezzo si è rialzato e Michele a quel punto ha provato l’attacco, ma è stato stoppato da Wout Poels, gregario Froome. Proprio questo assolo dello “squalo dello Stretto”, che fa il paio con la lunghissima fuga nella sesta tappa, coincisa anche con la momentanea conquista della maglia gialla, fanno ben sperare, al di là dell’uscita dalla top ten conclusiva. Il messinese è pronto a recitare ancora una volta da protagonista sulle strade della “Grande Boucle”, anche se la concorrenza non manca.

Questo l’Ordine di Arrivo dell’ottava ed ultima tappa — 1. Chris Froome (Gbr, Team Sky) in 3:59’27” alla media di 39,210 km/h; 2. Simon Yates (Gbr) a 18″; 3. Rui Costa (Por); 4. Van Garderen (Usa); 5. Rodriguez (Spa) a 28″; 6. Bardet (Fra); 7. Daniel Martin (Irl) a 31″; 8. Poels (Ola) a 44″; 9. Rolland (Fra); 10. Intxausti (Spa).

Questa la Classifica Generale Conclusiva — 1. Chris Froome (Gbr, Team Sky) in 30:59’02”; 2. Van Garderen (Usa) a 10″; 3. Rui Costa (Por) a 1’16”; 4. Intxausti (Spa) a 1’21”; 5. Simon Yates (Gbr) a 1’33”; 6. Bardet (Fra) a 2’05”; 7. Daniel Martin (Irl) a 2’52”; 8. Rodriguez (Spa) a 3’06”; 9. Valverde (Spa) a 3’12”; 10. Talansky (Usa) a 4’17”. (Gazzetta.it)

Commenta su Facebook

commenti