Foggia crolla, Lecce primo. Follia di Marruocco e la Paganese va ko al 91′

Torromino, attaccante del Lecce

Prima sconfitta stagionale del Foggia che cede di schianto a Castellammare di Stabia e perde la vetta della classifica. Si mette subito male per i rossoneri, sotto al 3’ per il gol di Liviero. Al 20’ il raddoppio di Ripa che insacca di testa sfruttando un calcio piazzato. Accorcia Mazzeo su rigore al 49’. L’espulsione di Empereur complica i piani alla squadra di Stroppa, punita ancora da Sandomenico al 62’ e poi al 93’ da Montalto. Le “vespe” sono terze con 19 punti, ad una lunghezza dal Foggia. Ne approfitta il Lecce che travolge 3-0 la Virtus Francavilla e si issa da solo al comando della graduatoria a quota 23. Fa tutto Torromino, autore di una tripletta. Il primo gol al 18’, dopo aver saltato anche Casadei. Al 58’ il raddoppio in mischia, al 72’ il tris personale. Nulla da fare per la formazione di Calabro, che ha chiuso in 10 per il rosso a Prezioso.

L'ex Marruocco, tra i migliori dei suoi

Vincenzo Marruocco, espulso in Cosenza-Paganese

Poker del Matera che si riscatta dopo il ko di Siracusa e spazza via il Catanzaro. Al 45’ il vantaggio firmato da Negro, su imbeccata di Iannini. Nella ripresa gli uomini di Auteri prendono il largo. Iannini fa 2-0 al 60’ e mette al sicuro il risultato, Sartore (87’) e De Rose (93’) arrotondano il bottino. Lucani quinti a 18, mentre si ferma ancora il Catanzaro di Somma, dal pessimo rendimento esterno. Nel finale il Cosenza piega la Paganese. Incredibile quanto avviene al “San Vito”. Azzurrostellati avanti grazie a Cicerelli, in gol 63’. Alcibiade lascia i suoi in inferiorità numerica e i silani pareggiano con Baclet al 68’, sugli sviluppi di un corner. Una follia di Marruocco (il portiere viene espulso per gioco violento) costringe i campani addirittura in nove. La seconda espulsione arriva peraltro a cambi finiti e tra i pali ci va Silvestri. L’epilogo sembra scritto. Mungo insacca in rete di piatto al 91’, su assist di Corsi, fa esplodere lo stadio e regala i tre punti al Cosenza con il 2-1. Una beffa per la compagine di Grassadonia. I calabresi appaiano la Juve Stabia al terzo posto.

Commenta su Facebook

commenti