Esordio amaro in campionato per la Faiplast Capo d’Orlando contro la Pgs Don Bosco Messina

Sconfitta per la Faiplast Capo d’Orlando maschile nella gara di esordio nel campionato di Serie D. I ragazzi di Fontanot partono male, e pronti via i messinesi si trovano sotto per 0-5, poi recuperano, pareggiandola a quota 18, ma qualche errore di troppo dei paladini consente alla Don Bosco di vincere il primo set per 20-25.

Il coach Valmi Fontanot

Il coach Valmi Fontanot

Nel secondo set l’Orlandina ingrana bene sin dall’inizio, trovando ottime conclusioni con Tranchida e Zaccaria e conducendo per tutta la durata del parziale. In chiusura arriva il colpo di reni degli ospiti, che costringono addirittura ai vantaggi la formazione di casa, che comunque porta a casa il set per 27-25. Nel terzo parziale Messina parte forte e l’Orlandina si trova costretta ad inseguire per tutta la durata del set. Ancora troppi errori a rete per i paladini, che permettono alla Don Bosco di vincere il set per 22-25. Il quarto è il set più combattuto, con le due formazioni punto a punto fino al 20 pari, quando una serie di buone battute dei messinesi permettono alla Don Bosco di vincere il set sul 22-25 e di portarsi a casa i 3 punti. “Sicuramente non sono contento del risultato – dichiara Fontanot a fine gara -, ma cercheremo di partire dalle cose buone fatte dai ragazzi in campo. Si trattava di un esordio nel campionato di Serie D e ci sta un momento iniziale di adattamento, ma non posso accettare alcune disattenzioni tecnico-tattiche, che sono state la causa della sconfitta. Non me la sento di addossare la colpa della sconfitta all’arbitraggio – chiude mister Fontanot -, ma probabilmente la partita sarebbe stata più bella con un arbitraggio migliore.”

Faiplast Capo d’Orlando – Pgs Tabaluce Don Bosco Messina 1-3 (20-25; 27-25; 22-25; 22-25)

The following two tabs change content below.
Lillo Guglielmo

Lillo Guglielmo

Plurilaureato, giornalista per passione, docente di matematica e dottore commercialista di professione. In una parola: poliedrico.

Commenta su Facebook

commenti