Costantino: “Coria calcia spesso da fuori. I rigori un fatto emotivo”

Massimo CostantinoIl tecnico Massimo Costantino con i suoi giocatori a fine gara (foto Giovanni Chillemi)

Il Fc Messina ha ottenuto finalmente il conforto dei tre punti, che spesso nel calcio soppiantano anche le belle prestazioni. Il tecnico Massimo Costantino può celebrare l’ottima prova offerta contro il Giugliano, indicata tra le possibili protagoniste alla vigilia del torneo: “Abbiamo fatto bene, vincendo e mantenendo anche la porta inviolata, nonostante all’inizio avessimo concesso alcune occasioni su cui è stato bravo Aiello. È una vittoria legittima e importante. Peccato per quello che abbiamo perso in altre gare, in cui forse meritavamo di più. Non abbiamo sbagliato nulla e dunque questi tre punti sono il giusto premio per un grande gruppo, che sta lavorando al massimo”. 

Nota dolente restano i rigori. Carbonaro e Melillo ne hanno fallito uno a testa. “Credo sia più un aspetto emotivo che di allenamento. Forse chi li ha calciati ha sentito troppo la responsabilità. Potevamo chiudere il match definitivamente, ma chi li ha falliti ha giocato una grande partita. Paolo avrebbe meritato la rete per quello che dà durante la partita. Speriamo comunque di sbagliarne di meno in futuro”. 

Bevis e Coria

Bevis e Coria celebrano la doppietta dell’argentino (foto Giovanni Chillemi)

L’argentino Coria, atteso per oltre un mese, è apparso subito in grande spolvero, con numeri che poco hanno a che vedere con la serie D: “Abbiamo sfruttato appieno le sue doti. La prima rete non è una casualità, perché ci lavora spesso in allenamento. Dal momento che il Giugliano difendeva a zona, abbiamo deciso sui calci piazzati e sui corner di muovere la palla per provarci da fuori. Lui d’altronde ha le qualità per farlo”. 

Il calendario non dà una mano ai peloritani, attesi dall’insidiosa trasferta sul campo del Savoia, dal match casalingo con l’Acireale, rivelazione del torneo, e poi dalla stracittadina con l’Acr Messina. “Sappiamo di avere delle gare difficili davanti e ogni partita va affrontata con la giusta considerazione. Se mostreremo questo spirito anche nelle prossime gare potremo affrontare tutti con serenità e costruire qualcosa. Siamo un gruppo totalmente nuovo, che cresce di settimana in settimana. Questo risultato ci dà la possibilità di continuare a credere nel nostro progetto, al di là della classifica, che non mi interessa. Dobbiamo mantenere l’umiltà, la dote dei forti”.

Massimo Costantino

Il tecnico Massimo Costantino dà indicazioni dalla panchina (foto Giovanni Chillemi)

Costantino preferisce non dare troppo peso a una classifica che vede ancora il Fc distante cinque lunghezze dai playoff e un margine di appena due punti sui playout, consapevole anche delle defezioni che hanno fin qui condizionato i giallorossi: “Ancora è presto, ci sono tanti punti in palio e avremo la possibilità di recuperare altro terreno. Abbiamo bisogno di tempo per crescere e potremo farlo anche sbagliando e perdendo altre gare. Abbiamo tanti ragazzi nuovi, giovani che affrontano per la prima volta questa categoria. E soprattutto tanti assenti, come Aladje, Dambros e Alessandro Marchetti, mentre Camara era soltanto alla prima presenza in panchina”.

Un successo che arriva dopo due settimane di silenzio stampa, utili anche per allentare qualche proclama (incauto) da parte del presidente Arena: “La cosa più importante è la risposta del gruppo, che ha meritato e voluto fortemente il primo brindisi casalingo. È la vittoria di tutti, dal magazziniere al presidente. Ben venga questo spirito: ci possiamo divertire, senza sottovalutare mai gli avversari. Il silenzio stampa? Non siamo scaramantici ma se sussiste qualche problema possiamo anche decidere di indirlo. Anche quando veniamo bacchettati, ad ogni modo viene fatto correttamente, a conferma che questa è una grande piazza”. 

Commenta su Facebook

commenti