Contro un Sant’Agata in palla, Costantino prova a recuperare Aita e Giuffrida

RicossaLa progressione sulla corsia di Ricossa (foto Marco Familiari)

Dopo la rimonta completata a metà a Ragusa contro il Marina, il Fc Messina è atteso al “Franco Scoglio”, dove sarà di scena il Sant’Agata. Per non dovere sacrificare ancora Coria, protagonista di un eccellente finale con gli iblei, il tecnico Massimo Costantino spera di recuperare almeno uno dei cinque indisponibili. A meno di ulteriori contrattempi, l’esterno difensivo Gabriele Aita, uno dei quattro under scuola Torino in rosa, dovrebbe essere effettivamente arruolato.

Garetto

Garetto protagonista di un’annata molto positiva (foto Giovanni Chillemi)

Confortanti anche i progressi mostrati in allenamento da capitan Giovanni Giuffrida, che domenica dovrebbe accomodarsi in panchina. Tempi più lunghi invece per l’ex catanese Antonio Panebianco, che non ha ancora esordito e sarà out per altre due settimane, e soprattutto per l’argentino Pablo Caballero, che dovrebbe tornare in campo soltanto tra un mese.

Venerdì si sottoporrà invece ad operazione chirurgica lo sfortunato centrocampista Marco Garetto, una delle piacevoli rivelazioni stagionali, che prima dell’infortunio al ginocchio rimediato nel match vinto con il Rende aveva conquistato minutaggio e considerazione, completando al meglio il reparto impreziosito dall’arrivo di Francesco Lodi.

La sua stagione si è chiusa quindi con largo anticipo, con 17 gettoni complessivi, undici da titolare, e appena due cartellini gialli, a conferma di un elemento molto corretto, a dispetto dei compiti di interdizione. Essendo un classe 2001, avrà comunque altri due anni per incidere ancora tra i Dilettanti o potrà magari misurarsi al piano superiore, dopo le 46 apparizioni tra Primavera e Under 17 granata, impreziosite anche da un gol alla Cremonese.

Fissore

Fissore mette pressione a un avversario (foto Marco Familiari)

Alle porte c’è un nuovo tour de force, considerato che la D tornerà in campo anche mercoledì 14 (il Fc sarà di scena a Cittanova) e domenica 18 (in casa con il Biancavilla). Senza considerare il recupero con il Roccella ancora da calendarizzare. Non è comunque esclusa una sospensione del torneo, dal momento che nelle ultime giornate è d’obbligo disputare i match in contemporanea e dovranno quindi essere recuperate le sei gare rinviate in precedenza per Covid nel girone I. Costantino dovrà anche fare i conti con le diffide di Ricossa, Agnelli e Da Silva, per evitare ulteriori complicazioni.

Domenica in riva allo Stretto tornerà un Sant’Agata trasformato da mister Mimmo Giampà. Dopo il ko subito proprio a Messina con l’Acr, con una rete incassata in avvio e una prova condizionata anche dall’emozione di qualche interprete per la sfida alla capolista, i biancazzurri hanno cambiato marcia, conquistando sette risultati utili consecutivi. Il gruppo, che mercoledì ha sostenuto una doppia seduta, dovrà fare a meno degli squalificati La Gamba e Costa, espulso nel concitato finale del match vinto con il Castrovillari e prolungatosi con ben sette minuti di recupero.

Bevis

Bevis ancora una volta è stato poco incisivo

Giampà ha già chiesto ai suoi di non enfatizzare troppo l’attesa. “I derby li ho vinti arrivando sereno alla partita. Se giochi Messina-Catania non devi caricare niente. I ragazzi lo sanno, non servono ulteriori stimoli per vincere”, ha sottolineato in sala stampa.

Se Cicirello, già a segno all’andata e autore fin qui di dieci reti, è stato costante al di là dell’infortunio che gli ha fatto saltare alcune gare come quella con l’Acr, gli innesti di Tripicchio, reduce da una doppietta, Mistretta, Caruso e Gallo, tutti già a segno, hanno consentito di sopperire anche a partenze eccellenti come quelle di Abayian, Strumbo e Ficarrotta. E la salvezza, distante adesso soltanto un punto, non appare più una chimera.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma