Cirillo: “Sognavo questo momento”. Tedesco: “Al Messina auguro un ripescaggio”

Giacomo TedescoGiacomo Tedesco il 30 maggio 2015 a Messina, sulla panchina della Reggina

Il prolungarsi delle conferenze di Nello Di Costanzo e Fabrizio Ferrigno non ha consentito l’arrivo in sala stampa dei tesserati della Reggina. Riprendiamo quindi le battute dei principali protagonisti, che hanno incrociato soltanto i cronisti calabresi, da Reggio nel Pallone.

Il settore ospiti invaso dai tifosi della Reggina (foto Paolo Furrer)

Il settore ospiti invaso dai tifosi della Reggina (foto Paolo Furrer)

Ovviamente può celebrare la permanenza, oltre al quarto successo nelle cinque gare della sua breve gestione, il tecnico Giacomo Tedesco: “I ragazzi sono stati straordinari. Dal mio avvento sulla panchina amaranto ho subito trasmesso alla squadra serenità, convinzione nei propri mezzi, invitandoli a credere nel nostro obiettivo. Ho vissuto emozioni indescrivibili da giocatore vincendo il derby contro il Messina, ma oggi sto provando qualcosa di molto simile. Ci siamo giocati le nostre carte su due partite difficili da interpretare, ma che ci hanno regalato una gioia immensa. Il Messina si è rivelato un avversario ostico, l’augurio è che possano essere ripescati”.

Anche il capitano Bruno Cirillo ha trattenuto a stento l’entusiasmo per un traguardo che sembrava fuori portata: “Sognavo da tanto questo momento. Si sono dette molte cose sul nostro conto nel corso di questa stagione, anche immeritate. Abbiamo risposto sul campo, raggiungendo un qualcosa di insperato sino a qualche mese addietro. Oggi non ci siamo risparmiati, lottando su ogni pallone ed offrendo una prestazione generosissima. Festeggeremo assieme ai tifosi: ci stanno aspettando. Un applauso bisogna farlo anche a loro, che numerosissimi ci hanno seguiti anche qui, facendoci sentire a casa”.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti