Cannavò saluta Licata, lo segue il Giarre. Casilli: “Civilleri spera nella C”

CannavòCannavò ha firmato 24 reti in D con la maglia del Licata (foto Francesco Barbagallo)

Dopo quattro stagioni sembrano destinate a dividersi le strade del bomber Antonio Cannavò e del Licata. La 29enne punta messinese nell’ultimo biennio di serie D ha firmato ben 24 reti e nove assist, nonostante l’annata precedente sia stato di fatto bloccata a metà dal Covid.

Antonio Cannavò

Antonio Cannavò in azione con la maglia del Licata

Radiomercato lo affianca all’ambizioso Giarre, fresco di promozione, e l’intermediario Maurizio Casilli conferma che la svolta è vicina: “Non ho più sentito il presidente Massimino, che evidentemente non vuole più puntare su di lui e quindi ha voluto guardarsi attorno. Sinceramente ci aspettavamo più considerazione, anche perché Cannavò ha firmato quasi cento reti in quattro anni con il Licata. Ha dato tanto alla squadra ma non ha avuto modo di ridiscutere il futuro con il club, che il 29 luglio dovrà affrontare un processo. Speriamo possa uscirne indenne, siamo certi che verrà accertata l’estraneità da ogni condotta contestata. Resteremo sempre legati a una piazza che ci ha dato tanto”.

Nei giorni scorsi è diventato ufficiale l’approdo di un altro attaccante messinese, Giovanni Ricciardo, all’ambizioso Siena: “Sono felice di avere avuto l’onore di conoscere Perinetti, che ci ha scelto. Era una chiamata irrinunciabile. Per Ricciardo sono già sei le promozioni in carriera, tra Melfi, Siracusa, Cesena, Leonzio, Palermo e Seregno, le ultime tre consecutive. Ringrazio Angelo Rea, con cui prosegue una collaborazione che ha portato grandi risultati. Il ragazzo ha spiccato il volo”.

Giovanni Ricciardo

Giovanni Ricciardo celebra una rete con la maglia del Palermo

La Toscana ha già accolto un altro assistito di Casilli, che presto potrebbe concludere una terza operazione: “Giovanni resterà a Siena anche in caso di ripescaggio in Lega Pro. Roberto Convitto si è accasato alla Pianese, che ha uno stadio di proprietà e una considerazione crescente. Antonino Carrello dopo l’esperienza nell’Igea potrebbe andare alla Lucchese. Fatemi dire che parliamo di una Regione all’avanguardia”.

Nella sua scuderia anche elementi che si sono messi in luce tra i professionisti: “Matteo Grandi rimarrà a Vicenza, dove ha altri due anni di contratto: spera di ripetere le trenta presenze dell’ultimo torneo di B. Cristian Caccetta ha ricevuto una buona offerta del Santa Maria Cilento ma dopo undici anni di C, con le splendide annate di Trapani e Cosenza, attende ancora una chiamata dalla Lega Pro”. 

Civilleri e Bianco

Civilleri in azione nel match tra Licata e Fc Messina (foto Giovanni Chillemi)

Ci sono poi elementi che invece hanno fatto bene tra i Dilettanti: “Gabriele Aprile e Pasquale Porcaro si sono confermati a Biancavilla. Calogero La Piana ha firmato otto reti a Paternò e potrebbe avere un futuro importante, anche tra i pro, se si ripeterà ancora”.

Spera nel grande salto uno dei migliori centrocampisti dell’ultimo torneo, a più riprese accostato all’Acr Messina: “Marco Civilleri ha ricevuto numerose offerte ma attende una chiamata dalla C, che peraltro potrebbe concretizzarsi a breve, perché c’era già un discorso avviato con un club del girone C. Con la società di Sciotto non abbiamo avuto contatti recenti. Fa piacere rivederli in terza serie: dovranno affrontare il campionato più difficile degli ultimi anni, con società come Avellino, Foggia, Taranto, Cosenza e ovviamente Catania e Palermo. Una serie B praticamente”.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva