Campagne crowdfunding, 34mila euro per il Policlinico e 18mila per il Papardo

Policlinico di MessinaUna vista dall'alto del Policlinico di Messina

Il Policlinico “G. Martino” di Messina ha comunicato che è stata completata la procedura di accreditamento dei fondi raccolti attraverso la piattaforma di crowdfunding on-line GoFundMe, mediante due diverse campagne avviate per fornire supporto alle strutture sanitarie impegnate a fronteggiare l’emergenza Covid-19.

Papardo

Il Papardo è interessato da interventi di ristrutturazione

La prima, promossa da Maria Grazia Sindoni, era mirata ad aiutare tanto il Policlinico, quanto l’ospedale “Papardo” di Messina e ha raccolto ad oggi complessivamente 37.093,32 euro, che saranno equamente suddivisi tra le due strutture sanitarie. La seconda, promossa da Giuseppe Romeo e che aveva solo il Policlinico come destinatario, ha fruttato ad oggi 15.301,72 euro. Complessivamente, quindi, all’Azienda Universitaria sono stati donati – al netto delle trattenute della piattaforma – 33.848,38 euro mentre al Papardo ne andranno circa 18.500.

Per gestire l’accreditamento delle somme, procedura rivelatasi complessa a causa dell’enorme mole di lavoro in cui è stata coinvolta a livello mondiale la piattaforma GoFundMe, l’A.O.U. si è avvalsa anche del progetto “Fundraiser per Ospedali in emergenza Covid-19”: un gruppo di lavoro, creato da Diego Maria Ierna e Luca Di Francesco, costituito da Job4good e da professionisti del settore della raccolta fondi in Italia, con il patrocinio di ASSIF (Associazione Italiana Fundraiser) e con l’obiettivo di fornire un servizio di consulenza pro-bono legato all’emergenza coronavirus.

Giuseppe Laganga

Giuseppe Laganga è il direttore generale del Policlinico (foto TempoStretto)

“I sacrifici fatti in questi giorni dall’Azienda – afferma il Direttore generale del Policlinico Giuseppe Lagangaper affrontare l’emergenza sanitaria sono stati pienamente ripagati dall’affetto e dalla vicinanza di tutta la popolazione. Un grazie particolare a tutti coloro i quali hanno voluto devolvere delle somme di denaro, ma anche a coloro che hanno fatto pervenire mascherine o attrezzature che ci sono state particolarmente utili. Per quanto riguarda le somme di denaro, utilizzeremo questi importi per migliorare percorsi assistenziali che garantiscono la sicurezza sempre nell’ambito del contrasto al Covid-19. Contiamo di sfruttarli al meglio e, via via, renderemo noto a tutti coloro che hanno contribuito alle raccolte come stiamo utilizzando i fondi”.

Commenta su Facebook

commenti

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva