Camaro inarrestabile. La pratica Ramet risolta nel primo tempo

Camaro

Il Camaro apre al meglio il girone di ritorno, supera senza affanni il Ramet e si conferma capolista del girone E di Prima Categoria. La formazione neroverde ottiene al “Marullo” l’ottavo successo in otto incontri casalinghi, sbrigando la pratica già dopo 22 minuti. Supremazia netta per tutta la durata della gara per i padroni di casa, che sbloccano al 18′ con Ricciardo (gran tiro e palla sotto la traversa), raddoppiano al 22′ con Cannuni (deviazione sotto porta su preciso assist di Buda) e creano poi una lunghissima serie di palle-gol non sfruttate però adeguatamente. La squadra di Lucà resta saldamente in vetta con 32 punti, 4 in più dell’Atletico Messina secondo della classe.

LA CRONACA – Nella prima partita del girone di ritorno, e ultima del 2014, al “Marullo” arriva il Ramet, vittorioso per 1-0 nel match di andata. Il Camaro ritrova Buda, Giglio e Ricciardo, assenti per squalifica nell’ultima gara di campionato, ma deve rinunciare a Cardia, fermato per un turno dal giudice sportivo, e agli infortunati De Maria, Lauro e Morgante. Consueto 4-3-3 con Fiorito tra i pali, Cappello, Cammaroto, Giglio e Bruno in difesa, Russo, Durante e Ricciardo a centrocampo, Li Mura, Cannuni e Buda in avanti.

Una fase del match (foto Isolino)

Una fase del match (foto Isolino)

Fin dalle prime battute è un monologo neroverde. Il primo a provarci è Buda al 6′: largo il diagonale da posizione defilata del capitano su invito di Ricciardo. Su cross dello stesso Buda, al 10′, va poi vicinissimo al gol Russo, ma il suo colpo di testa da pochi passi viene neutralizzato dal portiere Caragliano. Il forcing del Camaro diventa incessante in questa fase e le occasioni per i padroni di casa fioccano: all’11’ tiro al volo di Ricciardo dal limite e sfera fuori di poco; al 13′ colpo di testa di Giglio e parata di Caragliano; al 15′ pallonetto leggermente impreciso di Buda su lancio di Durante; al 16′ tiro dal limite dello stesso Durante e palla a lato non di molto; al 17′ Buda calcia sul fondo da posizione favorevole. Il gol arriva al 18′: Ricciardo riceve da Bruno nei pressi del limite dell’area e lascia partire un gran sinistro mandando il pallone a sbattere sulla parte interna della traversa prima di finire in rete. Per il centrocampista classe ’94 primo centro in campionato con il Camaro. Trascorrono appena 4 minuti e si materializza il raddoppio: Ricciardo lancia Buda a sinistra, perfetto cross a centro area per Cannuni, che di precisione deposita alle spalle di Caragliano siglando il settimo gol personale in campionato. La squadra di casa continua anche nei successivi minuti a tenere saldamente in pugno la partita e crea un’altra buona occasione già al 26′ con i suoi tre attaccanti: cross di Buda, tocco di Cannuni e conclusione di Li Mura neutralizzata da Caragliano. Prima dell’intervallo altre due parate del portiere ospite su Buda, fermato prima al 41′ e poi al 45′. Si va al riposo con il punteggio sul 2-0.

L'ingresso in campo

L’ingresso in campo

Stesso copione nella ripresa, seppur con ritmi un po’ più bassi rispetto alla prima frazione. Al 7′ Caragliano deve intervenire ancora per deviare oltre la traversa il colpo di testa di Cannuni su cross di Cappello. Le cose per il Ramet si complicano ulteriormente all’11’, quando viene espulso Gabriele Grosso a causa di un’imprecazione non consentita dal regolamento. Il Camaro continua a spingere ma non riesce a trovare la via della rete. Al 17′ Caragliano salva ancora su Cannuni, poi è un difensore a respingere sulla linea il tiro di Buda al 21′, mentre al 22′ finisce alto il colpo di testa di Ricciardo. Intanto i padroni di casa effettuano il primo cambio inserendo Morgana per Russo. Al 25′ una delle più belle tra le tante parate effettuate oggi da Caragliano: il numero uno del Ramet devia sulla traversa l’insidioso destro dal limite di Li Mura. Più semplice l’intervento successivo, alla mezzora, sul tocco centrale di Cannuni, innescato da una combinazione tra Buda e Cappello. Dentro subito dopo anche Rifici per Li Mura. Tra il 31′ e il 32′ altri due interventi di Caragliano sul pallonetto di Buda e sul tiro ravvicinato di Cannuni. Al 35′ tentativo da fuori di Durante e palla sul fondo; al 39′ sinistro di Morgana dai 20 metri e sfera tra le braccia del portiere. Al 40′ dentro Grasso per Ricciardo. Nel finale neroverdi ancora vicini al gol con Giglio al 41′ (colpo di testa a lato sugli sviluppi di un corner) e con Cannuni al 43′ (gran tiro al volo su cross di Buda, alto di poco) e al 44′ (girata di testa imprecisa da pochi passi dopo una bella percussione di Cappello). Il Ramet effettua il suo unico tiro proprio nell’ultimo minuto di gioco, il 47′: il destro dal limite di Nania non inquadra la porta. Il Camaro si conferma così impeccabile nelle gare casalinghe, riscatta il ko dell’andata e resta in vetta alla graduatoria del girone E di Prima Categoria con 32 punti, a +4 sulla seconda, l’Atletico Messina. Ora il campionato prevede un turno di riposo, prossimo impegno in programma sabato 3 gennaio 2015 sul campo del Venetico.

Camaro – Ramet 2-0
Marcatori: 18′ pt Ricciardo, 22′ pt Cannuni.
Camaro: Fiorito, Cappello, Bruno, Durante, Cammaroto, Giglio, Li Mura (30′ st Rifici), Ricciardo (40′ st Grasso), Cannuni, Buda, Russo (22′ st Morgana). In panchina: Cirino, Mangano, D’Angelo, Lucà. Allenatori: Luigi Cappello – Michele Lucà.
Ramet: Caragliano, Trimarchi, Lisa, Messina, Italiano, Nania, Pirrone, Mangano, G. Grosso, Gambale, C. Grosso (12′ st Saija). In panchina: Mento. Allenatore: Andrea Visalli.
Arbitro: Salvatore Marco Testaì della sezione di Catania.
Ammoniti: 40′ pt Russo (C), 8′ st Giglio (C).
Espulsi: 11′ st G. Grosso (R).
Recupero: 0′ pt, 2′ st.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti