Bruno: “Dopo Nocera dovevamo riscattarci. I problemi fisici? Io non mollo mai”

BrunoBruno imposta l'azione dalle retrovie

Il Messina supera senza patemi l’ostacolo Cittanovese. Un 3-0 secco che consente ai giallorossi di proseguire la scalata in classifica, puntando alla zona playoff. Se Yeboah e soci hanno fatto sfracelli in avanti, il reparto arretrato non ha rischiato praticamente nulla, come sottolinea il difensore Francesco Bruno, recuperato proprio in extremis: “Ho avuto un lieve problemino alla vigilia e tutti mi davano fuori dalla formazione, ma io non mollo mai. Dal campo non ho visto il mio portiere fare una sola parata. Abbiamo approcciato bene la partita come a Nocera, ma questa volta siamo rimasti concentrati fino alla fine, senza rilassarci. Inzoudine? E’ un ottimo giocatore, per lui parla il curriculum e ha fatto bene all’esordio”.

I giocatori del Messina corrono sotto la curva (foto Alessandro Denaro)

E’ un Messina che diverte e si diverte. La ricetta giusta per risalire la china: “Questo è quello che ci chiede il mister. Il presidente prima della partita ci ha detto inoltre che dovevamo pensare di affrontare la Nocerina, non la Cittanovese. Dovevamo riscattarci per quei due punti persi domenica scorsa e la voglia era tanta. La classifica? Ancora non la guardo, dal primo giorno che sono arrivato ho sempre detto che parlerò a maggio, lì si tireranno le somme”.

Commenta su Facebook

commenti