Bruno choc: “Cacciato per compensare un rigore generoso. Lo ha ammesso la terna”

BrunoBruno è stato costretto ad incassare la seconda espulsione stagionale

Non usa giri di parole il difensore del Messina Francesco Bruno, costretto ad incassare la seconda espulsione in giallorosso: “Il direttore di gara non aspettava altro per cacciarmi fuori, doveva rimediare ad un errore precedente. Il guardalinee si è scusato negli spogliatoi con l’Ercolanese, perché il rigore di Cocuzza era a suo dire irregolare”.

Cocuzza

Il rigore procurato da Mascari e trasformato da Cocuzza

Ai microfoni di Radio Amore, l’ex calciatore del Melfi ha rincarato la dose, commentando anche il penalty non assegnato ai peloritani nel finale: “Su Rosafio il rigore era netto: ero dietro la porta, dopo l’espulsione, e ho visto bene l’azione. Il portiere è uscito nettamente su Cocuzza. Anche lì hanno voluto compensare quanto accaduto nel primo tempo, quando ci hanno assegnato un rigore generoso. Ce lo ha confidato l’arbitro a fine gara…”. Quantomeno ingenua, quindi, anche la terna arbitrale.

L’1-1, a maggior ragione, non soddisfa quindi gli ospiti: “È stata una partita in cui abbiamo fatto tutto noi, senza subire tiri in porta. Sono rammaricato dal punto, meritavamo la vittoria. Ce lo prendiamo ed andiamo avanti.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti