Bilbao, fuga per la vittoria. Conti difende il primato, si ritira anche Gaviria

BilbaoBilbao celebra l'impresa colta a L'Aquila

Il Giro ha fatto tappa a L’Aquila, dieci anni e un mese dopo il terremoto che la sconvolse, seminando morte e disperazione. La settima tappa è finita nelle mani di Pello Bilbao, uno spagnolo che ha già vinto una tappa al Delfinato e una al Tour of the Alps dell’anno scorso. Il corridore basco ha duellato a lungo con Davide Formolo, Tony Gallopin e Mattia Cattaneo, prima di esultare sul podio situato a una manciata di metri dal Duomo.

Valerio Conti ha rischiato, nel corso di 185 chilometri intensissimi, di perdere la propria maglia rosa, ma alla fine è riuscito a conservarla con l’aiuto della UAE Emirates al gran completo. La squadra dell’assente Fabio Aru ha perso Fernando Gaviria – che si è ritirato per problemi a un ginocchio – ma è rimasta compatta nella difesa del primato, portando a termine la missione.

Valerio Conti

Secondo giorno in rosa per il romano Valerio Conti

Il primo terzo del Giro è volato fra la pioggia e il freddo, che hanno imperversato e reso arduo il compito degli atleti. La corsa è stata finalmente illuminata dal sole, come non accadeva dei primissimi chilometri e la carovana ha tirato un sospiro di sollievo. Gruppo asciutto, ma con i primi sintomi di stanchezza.

Il primo tentativo ha visto protagonisti Rojas, Gallopin, Bilbao, Izagirre, Agnoli, Benedetti, Schwarzmann, Honoré, Modolo, Carthy, Madouas, Plaza, Sbaragli, De Buyst, Van der Sande, Juul Jensen, Narvaez, Hindley e Gogl: la fuga prometteva sconquassi e, per poco, non ha provocato un clamoroso ribaltone.

Davide Formolo

Davide Formolo ha tagliato da terzo il traguardo (foto Ansa)

Conti ha visto sfumare per una questione di secondi la maglia rosa, che è finita virtualmente addosso allo spagnolo José Joaquin Rojas, poi se l’è ripresa a tutti gli effetti e l’ha portata fino al traguardo. Il romano ha dato prova di grinta e determinazione in una tappa mai banale, nemmeno per un metro.

I big sono rimasti a guardare, facendosi trainare dalle proprie squadre fino al traguardo, ma sabato dovranno tenere gli occhi bene aperti, perché ci saranno da valicare una decina di “muri” da Tortoreto Lido a Pesaro. Una tappa da imboscate li attende e non è detto che non ci scappi la sorpresa clamorosa.

Gaviria

Gaviria lascia il Giro dopo avere indossato anche la maglia ciclamino (foto Ansa)

Il tutto alla vigilia di una crono che, senza Tom Dumoulin, sembra essere diventata – sulla carta – un affare a due tra Roglic e Simon Yates, con il messinese Vincenzo Nibali che sarà costretto a difendersi nell’attesa delle grandi sfide in alta quota. Lo “squalo dello Stretto” affila i denti, ben consapevole di avere a disposizione una ghiotta occasione.

Questa la classifica generale aggiornata. 1. Valerio Conti (Ita) in 29h29’34” (km percorsi 1.221,8, media 41,424 km/h), 2. José Joaquin Rojas (Spa) a 01’32”, 3. Giovanni Carboni (Ita) a 01’41”, 4. Nans Peters (Fra) a 02’09”, 5. Valentin Madouas (Fra) a 02’17”, 6. Amaro Antunes (Por) a 02’45”, 7. Fausto Masnada (Ita) a 03’14”, 8. Pieter Serry (Bel) a 03’25”, 9. Andrey Amador (Crc) a 03’27”, 10. Sam Oomen (Ola) a 04’57”, 11. Pello Bilbao (Spa) a 05’23”, 12. Primoz Roglic (Slo) a 05’24”, 15. Simon Yates (Gbr) a 05’59”, 16. Vincenzo Nibali (Ita) a 06’03”, 17. Miguel Angel Lopez (Col) a 06’08”.

The following two tabs change content below.
Francesco Straface

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

Commenta su Facebook

commenti