Barcellona, sei infermieri negativi a controanalisi. L’Asp: “Presto nuovi medici”

laboratoriContranalisi negative per sei infermieri a Barcellona

“Ho avuto notizia dal dottor Antonello Calabrò, primario del laboratorio di Patologia clinica dell’ospedale di Barcellona Pozzo di Gotto che al necessario controllo effettuato questa mattina presso il laboratorio di Biologia molecolare il personale che era risultato dubbio o positivo a Covid-19 si è rivelato negativo al controllo”. A comunicarlo il direttore generale dell’Asp di Messina Paolo La Paglia.

Barcellona

Anche l’ospedale di Barcellona destinato alla lotta al Covid-19

I primi tamponi avevano accertato infatti quattro casi di positività al Coronavirus, e due dubbi, tra il personale del Covid Hospital “Cutroni Zodda”. Si tratta di sei infermieri del reparto di Pneumologia, recentemente trasferito dal nosocomio di Milazzo al presidio ospedaliero di Barcellona per dare manforte nella lotta al Covid-19. Scatterà la quarantena per quanti sono venuti a contatto con i positivi che hanno subito il contagio durante il servizio.

Medici e infermieri della struttura, in molti casi, hanno rinunciato ai contatti con i familiari per salvaguardare la salute dei propri cari. “Sulla carenza di medici anestesisti presso lo stesso ospedale, dopo avere accertato che su un organico di undici medici ben quattro sono in malattia contemporaneamente, riservandomi le valutazioni conseguenziali, comunico che stiamo utilizzando una graduatoria ancora valida per poterli sostituire”, ha aggiunto La Paglia.

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma