Barcellona fa la voce grossa al PalaRescifina, niente da fare per il Messina Volley

Il Messina Volley non riesce a ripetere la bella prova offerta sette giorni prima a Spezzano Albanese. La formazione allenata da Danilo Cacopardo chiude il girone di andata con una brutta sconfitta interna ad opera della Pol. Barcellona ’95. Infatti la squadra peloritana, orfana del pesante forfait improvviso di Alessandra Rando, assente per motivi professionali, s’imbatte in un Barcellona rigenerato dalla presenza straordinaria dell’ex Anna Derobertis, catapultata direttamente in campo per l’occasione dopo mesi di assenza per motivi di lavoro.

Messina Volley-Barcellona '95, una fase della gara

Messina Volley-Barcellona ’95, una fase della gara

La vittoria del primo set ottenuta in scioltezza (25-17) illude la squadra di casa, il Barcellona, infatti, inizia ad impostare il proprio gioco dal secondo parziale in poi, sostituendo la Scupola con Tiziana Marzo, e se lo aggiudicano con il punteggio di 15-25. Il Messina Volley cerca la reazione a la trova soltanto a metà in quanto perde il vantaggio accumulato nelle prime azioni di gioco, dando la possibilità alle tirreniche di recuperare e di effettuare il sorpasso fino al 20-25 finale. Senza storia il quarto set, interpretato al meglio dalla formazione barcellonese, e conclusosi con il punteggio di 10-25 .

La formazione del Messina Volley

La formazione del Messina Volley

In conclusione, Derobertis ha fatto la differenza in attacco da posto 4, insieme al muro di Caruso e Munafò , mentre le ragazze del presidente Rizzo avranno di che riflettere nei prossimi giorni alla luce degli evidenti passi indietro fatti dalla squadra rispetto alle uscite precedenti: ingiustificabili pur evidenziando che l’assenza, ormai per buona parte del campionato rimanente, della schiacciatrice Alessandra Rando da sola non può costituire un alibi per il grigiore visto nella metà campo messinese.

Messina Volley – Barcellona 95  1-3 

Set: 25-17; 15-25; 20-25; 10-25.

Commenta su Facebook

commenti