Barcellona, continua l’astinenza in trasferta. Quanti rimpianti a Jesi col ko all’ultimo tiro

Cerca il primo acuto lontano da casa la Sigma Barcellona che si reca sul campo della squadra con più lunga militanza in serie A2, la Fileni Jesi, sodalizio con alle spalle ben diciotto anni consecutivi nella seconda serie nazionale. Sfida attesa quella del PalaTriccoli, campo che lo scorso anno regalò un sorriso ai giallorossi (87-91 il finale) mentre in precedenza furono diverse le sconfitte patite in serie nelle Marche.  Tra le fila dei padroni di casa, che possono contare dopo diverse settimane di tempo sull’organico al completo, Lasi schiera il quitetto composto da Miller, capocannoniere del torneo, Procacci, Santiangeli, Elliott e il totem Maggioli mentre Barcellona risponde con Kelley, Spizzichini che ha risolto l’ultimo derby con Trapani, Shepherd, Da Ros e Garri.  Barcellona parte carica e mette subito le cose in chiaro con un fulmineo 0-6 ispirato dalla coppia di lunghi Garri (4 punti) e Da Ros. Nelle dififcoltà tocca sempre a Maggioli reagire con un contro break di 4-0 ma come risposta si accende l’ex Cibona Kelley con la sua velocità che rida due possessi di vantaggio ai suoi (4-10). Lasi cambia qualcosa e fa entrare Borsato, è sempre Maggioli a muovere il tabellino con un gioco da tre punti ed infiammare la sfida a distanza col play giallorosso che ne mette altri tre (7-13). Garri e Kelley partono alla grande e portano Barcellona sul vantaggio in doppia cifra, 7-17. Jesi non ci sta e dopo un iniziale torpore arrivano i primi punti del capocannoniere Miller con un canestro ed una tripla. La truppa siciliana non si scompone e riallunga con Da Ros e il primo canestro del canadese Shepherd su assist di Spizzichini (12-21). Miller però si è acceso e completa un nuovo gioco da tre punti e nell’azione seguente altri due liberi, salendo a quota 9 punti e sfiorando già la doppia cifra personale. Il primo quarto si conclude con l’ennesima fruttuosa iniziativa personale di Kelley, a quota 11, cui risponde allo scadere il canestro di Rocca per il definitivo punteggio di 19-23 alla prima sirena.

Alfrie "Tre" Kelley, 17 punti per lui a Jesi

Alfrie “Tre” Kelley, 17 punti per lui a Jesi

Nel secondo quarto Perdichizzi da fiducia al capitano Maresca che dopo una palla contesa sforna l’asssist per un positivo Garri, Jesi continua ad essere solo Miller in questa fase, canestro cancellato dal verticale Borra che ha un buon impatto sul match (21-27). L’ex Treviglio si fa vedere subito dopo per una bella stoppata difensiva che da fiducia ai suoi compagni, specie capitan Maresca, abile a seguire il suo errore, conquistare il rimbalzo offensivo e realizzare da sotto il più otto. L’asse arancione Miller-Maggioli funziona a dovere ed il capitano jesino muove il referto della Fileni, 23-29. Diversi cambi sui due lati del campo, entrano Santiangeli, Elliott e Fiorito, ne esce vincitore ancora Maggioli col gioco da tre punti che risa a Jesi solo un possesso di distanza. Maresca è in serata e si ripete, conquistando una carambola offensiva e segnando il suo secondo canestro che da ossigeno a Barcellona. Miller non è di questo avviso e piazza la bomba del meno due (29-31). Elliott commette fallo ed esce, Shepherd è perfetto dalla lunetta. L’ala proveniente da Omegna si rivela sempre utilissimo negli schemi di gioco di Perdichizzi e trova la prima tripla di squadra su assit di Kelley per il 29-36. Si accende la gara, in pochi secondi si assiste alla pioggia di conclusioni dall’arco, prima di Miller e poi di Fiorito (32-39). Kelley è il solito metronomo ma subisce la poderosa stoppata di Miller in attacco, le percentuali si sporcano leggermente con gli errori di Fiorito e Shepherd che però sono sempre nel vivo del gioco. Il giovane Picarelli commette fallo sull’ala canadese che realizza altri due liberi per il nuovo più nove (32-41). Santiangeli spezza il break sfavorevole con un’altra tripla ma Barcellona gioca con ordine in attacco e la seconda bomba personale di Fiorito fa alzare tutta la panchina giallorossa (35-44). Nel finale Jesi si aggrappa a tutta l’esperienza di Rocca che segna da sotto. Negli ultimi secondi Perdichizzi concede spazio in regia a Marchetti, non succede più nulla. Barcellona all’intervallo lungo può amministare sette punti di vantaggio sul 37-44 in una gara avvincente con due attacchi in grnade serata. Da segnalare in casa Sigma l’apporto del collettivo con sette uomini a segno ed il 100% ai liberi (7/7).
Alla ripresa del gioco Jesi opta per il rientro di Elliott e Procacci, Kelley rileva Marchetti nello spot di play con il ritorno in campo di Spizzichini e Da Ros. Il primo canestro del quarto è di Maggioli. Il lungo marchigiano non finisce mai di stupire e da solo realizza un contro break di 6-0 che riporta a contatto la Fileni (43-44). L’attacco di Barcellona non si sblocca per tre minuti di gioco prima che Procacci non commetta fallo antisportivo su Da Ros che segna un libero e poi la tripla del più cinque. Sul fronte opposto la risposta è di Santiangeli che si mette in proprio e di seguito sforna l’assist ancora per un Maggioli incontrastato a quota 18 punti (risultato di 47-48). Gara completamente riaperta con Jesi che trova la forza del primo sorapsso della serata sempre col suo uomo migliore, il totem e capitano ma la rabbia dei giallorossi esce con tutta la forza di Shepherd che schiaccia il controsorpasso. Squadre a contatto e grande bagarre: Elliott firma il 51-50 cui risponde un Kelley determinante nel primo tempo. Maggioli, 22 punti, non sbaglia più nulla mentre comincia a fatica l’attacco della Sigma. Shepherd e Garri sbagliano il tiro del nuovo possibile vantaggio e Pedichizzi vuole parlarci su decidendo di utilizzare Marchetti e Borra. Un assist della possente ala siciliana regala il canestro del 53-54 firmato Maresca, per il capitano una delle migliori prestazioni stagionali. L’ex Brindisi e Caserta recupera palla e si ripete in attacco per il più tre. Da una persa di Marchetti si materializza il meno uno di Migliori prima della tripla sbagliata da Da Ros che fissa il punteggio sul 55-56 del 30′.

Miller e Maggioli hanno trascinato Jesi al successo

Miller e Maggioli hanno trascinato Jesi al successo

Ultimi dieci minuti decisivi, lo “Sceriffo” da fiducia a Borra e rimette in campo Kelley. L’assist di Da Ros permette a Shepherd di rimpinguare il tabellino con un gioco da tre punti (55-59) per fallo di Elliott. Ingenuità di capitan Maresca pescato col fallo antisportivo tramutato in punti da Mason Rocca. La Fileni gioca per il nuovo ribaltone nel punteggio ma Maggioli e Migliori sbagliano, il pareggio però è nell’aria ed arriva grazie a Procacci, ben imbeccato dal proprio capitano. La panchina di Barcellona è costretta al time out con Fiorito che ritorna sul parquet; dopo il poderoso recupero Jesi accusa un po’ la stanchezza ed in difesa lascia libero Shepherd, canestro e Kelley, liberi che rialzano le quotazioni degli ospiti (59-63). Lo stesso play di Washington segue l’errore del compagno e deposito il più sei sul tabellone. Migliori spegne il break a sfavore ma Shepherd (18) in questa fase è decisivo col canestro del 61-67 che costringe Lasi alla pausa tecnica. Dopo il riposo il sempreverde Maggioli segna il meno quattro e suona la scossa, sul fronte opposto Maresca per la prima volta in stagione arriva in doppia cifra ma Santiangeli trova un bomba fondamentale (66-69). Shepherd viaggia a ritmi sostenuti ed è sua la seconda schiacciata di serata ma la Fileni ha grande cuore e pesca un micidiale 7-0 a firma di Elliott (gioco da tre punti), Miller e Maggioli (73-71). Finale al cardiopalmo, la svelia per Barcellona si tramuta con la tripla di Maresca ma Miller con la stessa moneta fa capire perchè è il capocannoniere del torneo (76-74). Nell’ultimo minuto e mezzo rientra Garri ma Kelley perde palla ed in attacco Jesi Maggioli trova il più quattro (78-74). Maresca risponde subito poi il fallo sistematico manda in lunetta ancora un Maggioli irresistibile (trentello per la leggenda jesina). Maresca non vuole abdicare e segna l’80-78. Dopo la pausa tecnica è Miller a trovare il potenziale canestro della staffa a quindici secondi dala fine, Shepherd rimette in corsa Barcellona con Kelley che spende il fallo su Santiangeli. L’italiano fa 1/2 a cronometro fermo (83-80), l’ultimo possesso è di Da Ros che cerca la tripla del supplementare che non va. Jesi vince di tre una gara che ha visto a lungo Barcellona condurre. A nulla servono i 56 punti del trio Shpeherd, Kelley e Maresca superati dalla coppia arancione formata da Maggioli e Miller (30+22). Si tratta della quinta sconfitta esterna consecutiva per i ragazzi di Perdichizzi che non trovano la necessaria continuità di rendimento in classifica. Sconfitta dura da digerire e domenica nuovo esame interno contro la matricola terribile Dinamica Mantova dell’indimenticato ex giocatore e dirigente Sandro Santoro.

FILENI BPA JESI – SIGMA BARCELLONA 83–80
Parziali: 19–23; 37–44; 55–56; 83–80
Jesi: Maggioli 30 (13/20; 0/1; 8 rimb.), Benvenuti ne, Borsato, Migliori 4 (2/2; 0/3), Rocca 6 (2/4 da 2), Procacci 2 (1/1 da 2), Elliott 10 (3/6; 1/4), Santiangeli 9 (1/4; 2/5), Picarelli, Miller 22 (5/9; 3/5). All. Lasi
Barcellona: Kelley 17 (7/9; 0/1), Marchetti, Spizzichini (0/2 da 2), Fiorito 6 (2/4 da 3), Maresca 17 (7/10; 1/2), Leonzio ne, Shepherd 22 (7/10; 1/6), Garri 8 (3/7; 0/2), Borra 2 (1/1 da 2), Da Ros 8 (2/5; 1/4). All. Perdichizzi
T2 – Jesi: 27/46 Bar: 27/44 T3 – Jesi: 6/18 Bar: 5/19 TL – Jesi: 11/12 Bar: 11/12
Rimbalzi – Jesi: 33 Bar: 29 Palle perse/Recuperate – Jesi: 17/7 Bar: 14/11
Assist – Jesi: 14 Bar: 12 Falli – Jesi: 12 Bar: 15 Valutazione – Jesi: 88 Bar: 78
Note: spettatori 1751
Arbitri: Masi, Vanni degli Onesti, Gagno

Matteo Da Ros ha fallito la tripla del possibilesupplementare

Matteo Da Ros ha fallito la tripla del possibile supplementare

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com