Avella: “È stato il miglior Messina. I miei interventi? Il portiere serve a questo”

AvellaL'intervento decisivo di Avella (foto Nino La Macchia)

Il Messina ha segnato due gol e creato tante occasioni, conquistando contro il Biancavilla un successo importantissimo. Al resto ci ha pensato tra i pali Michele Avella, compiendo alcuni interventi prodigiosi che hanno consentito di mantenere il 2-0.

Il numero uno giallorosso, sempre tra i migliori in questa prima parte di stagione, preferisce però fare il modesto: “È stata una prestazione eccezionale di tutta la squadra, sono convinto che sarebbe andata così anche senza di me. Una grande prova, la migliore fino ad oggi. Io ci ho messo del mio, è importante per questo il portiere. Ho sempre pensato che non occorre fare miracoli ma parare il parabile”.

Zeman

Esordio casalingo per Zeman (foto Nino La Macchia)

Cosa è cambiato con Karel Zeman in panchina? Il classe 2000 offre una chiave di lettura piuttosto interessante: “Si vedono una mentalità offensiva ed un pressing zemaniano. In Serie D non esiste una qualità eccellente e le squadre vanno in difficoltà se vengono pressate nel modo giusto, come sta cercando di farci capire il mister. Ci difendiamo in attacco, lontani dalla porta”.

“Mi ero prefissato degli obiettivi – prosegue Avella analizzando il suo rendimento – e sto cercando di raggiungerli, ma sono troppo ambizioso e so che devo fare ancora di più. Anche grazie al mister e ai compagni sto cercando di migliorare da tutti i punti di vista. Io una sicurezza per i compagni? Lo spero, ma sono gli altri a doverlo dire. Se il portiere dà sicurezza è importante, fa stare più tranquilla tutta la squadra. L’intervento più difficile? Penso all’uscita quando ho smanacciato il pallone sul secondo palo, in quell’occasione sono andato un po’ di istinto”.

Acr Messina

L’Acr Messina celebra il successo sotto la Curva Sud

Domenica l’esame più duro al “Barbera” contro la capolista. Il conto alla rovescia per i tifosi, che hanno chiesto ai giocatori l’impresa, è già cominciato: “Sarebbe bello andare a sbancare Palermo. Se sono primi c’è un motivo, ma andremo lì a fare la nostra partita. Questi sei punti ci danno carica e consapevolezza. Due settimane fa avremmo approcciato alla gara in altro modo, adesso siamo più consapevoli delle grandi qualità di squadra. Dobbiamo tirarle fuori e prendere sempre più fiducia”.

Commenta su Facebook

commenti