All’Akademia il big match di Arzano (3-1). Quinto successo e +2 sulla seconda

Akademia Sant'AnnaL'Akademia Sant'Anna celebra un punto

Dopo oltre due ore, la Sanitaria Sicom si aggiudica il match di cartello della quinta giornata di B1 e supera a domicilio per 3-1 l’Arzano Volley, prolungando la striscia di cinque vittorie consecutive in altrettante gare disputate. In classifica 14 i punti all’attivo, due in più di San Salvatore Telesino, mentre Fiamma Torrese e Melendugno restano a -3. Gli appassionati hanno assistito ad una partita intensa, tiratissima e molto equilibrata. Su un campo caldissimo Arzano ha il grande merito di non mollare mai, costringendo la Sicom a faticare oltremodo per regolare le napoletane. L’Akademia, dal canto suo, sapeva che sarebbe stata una battaglia e, con lo spirito della grande squadra, riesce a condurre con autorità nei momenti decisivi, reagendo in maniera importante alle situazioni più complicate, come il -6 a metà del terzo parziale prima di operare la “remuntada” poi decisiva.

Arzano

Le padrone di casa dell’Arzano sotto rete

Un’autentica prova di forza dunque per Messina, che supera la diretta inseguitrice in classifica e soprattutto si aggiudica un’altra partita complicatissima. Prime fasi del match tiratissime. Azioni prolungate con le due squadre che si inseguono a vicenda fino a quando Arzano riesce a trovare un mini allungo (8-5). La Sicom non molla e riaggancia le padrone di casa con un break di 3-0. Di nuovo in parità, le due squadre tornano a giocarsela punto a punto, con le difese molto attente. Messina prova più volte a trovare lo strappo ma viene sempre ripresa. Nonostante la pressione delle campane, Muzi e compagne riescono a conservare il piccolo margine costruito ed allungare fino al 19-16, costringendo coach Piscopo a chiamare il time out. Strigliata alle locali che porta i frutti sperati. Arzano torna a stretto contatto con Akademia, ma il pericolo scuote le ospiti che tornano avanti di 2 e poi allungano fino al 22-18. Arzano tenta di ricucire lo strappo e trova un importante 24 pari, ma poi Iannone (subentrata a Varaldo) griffa il 25-24 e Gagliardi manda in battuta Martina Quarto, che gli dà ragione e chiude il set (26-24).

Akademia Sant'Anna

Una fase del match tra Arzano e Akademia

Parte bene Messina nel secondo parziale ma le padrone di casa si rimettono in carreggiata. Riprende allora la stessa musica del primo parziale di gioco, con un continuo botta e risposta tra le due compagini. La Sicom paga qualche indecisione di troppo e lascia scappare le arzanesi sul +3: un piccolo margine di vantaggio che dà entusiasmo alla squadra di casa e anima il calorosissimo e correttissimo pubblico presente sugli spalti. Si scuote subito Messina che, con ottime soluzioni in attacco e buona solidità a muro, piazza un break di 5-0 che vale il +2. Sotto di 3 Arzano riesce ad interrompere il digiuno in fase realizzativa, trova anche una buona reazione che gli permette di portarsi a strettissimo contatto con le ospiti che, però, allungano fino al nuovo +4. Passante e compagne tentano di avvicinarsi e costringono le messinesi agli straordinari per conservare il margine di sicurezza costruito. Nel finale il palazzetto si trasforma in una bolgia: Arzano si porta sul -1 e alla fine, con un ottimo turno in battuta, trova il break decisivo e si aggiudica il set sul 26-24.

Akademia Sant'Anna

Le messinesi nel corso del riscaldamento

Le campane proseguono il trend con il quale hanno chiuso il secondo parziale e partono bene anche nel terzo, riuscendo a costruire un importante +6. Arzano gioca con grinta ed entusiasmo. La Sicom invece non trova continuità in attacco e concede troppo in difesa. Gagliardi tenta di scombinare le carte in tavola con le sostituzioni Muzi-Fabbo e Iannone per Varaldo. Una mossa che sveglia le sue, abili a piazzare un break di 4-0 che da il là al ritorno importante di Messina fino al sorpasso sulle padrone di casa. Si torna punto a punto: la partita si riaccende e gli animi in campo si scaldano, come dimostra il cartellino rosso a Piscopo. Sul 18 pari nuovo cambio in cabina di regia per Messina, con il rientro in campo di Margherita Muzi che scuote le sue e trova un mini allungo sul +2. Arzano non molla e piazza un break di 4-0 che vale addirittura il sorpasso. Dopo la nuova reazione ospite chiusura di set al cardiopalma, con le ospiti che si portano avanti e la squadra di casa che riesce più volte ad acciuffare il pari. Alla fine però l’Akademia trova il 28-26 che vale il 2-1.

Akademia Sant'Anna

Margherita Muzi è il capitano dell’Akademia Sant’Anna

Anche nella prima parte del quarto set grande equilibrio in campo. Sul 6-4 per le ospiti, la panchina messinese recrimina a gran voce per un fallo chiamato in attacco che varrebbe un mini allungo e che, invece, permette alle padrone di casa di riacciuffare le avversarie. Proteste che portano anche al rosso per la Cardoni. A metà del parziale di gioco la Sicom trova un +3 utile per costruire un piccolo margine di sicurezza e, poco alla volta, rosicchiare qualche punto utile ad allungare ulteriormente nel punteggio. Sul 17-12 per Akademia, Piscopo tenta la carta time out, ma le peloritane questa volta sono troppo determinate. Muzi e compagne continuano a premere sull’acceleratore e, con grande autorità, conducono la fase finale del set fino al 25-17 con il quale si aggiudicano l’incontro. Una prova di forza che le incorona come principale favorita nella corsa promozione.

Lu.Vo Barattoli Arzano Volley – Sanitaria Sicom Akademia Sant’Anna 1-3
Parziali set: 24-26, 26-24, 26-28, 17-25.
Arzano Volley: De Siano, Piscopo V. (L), Passante (C), Aquino, Suero, Michelini, Palmese, Mautone, Rinaldi (L), Fusco, Dello Iacono, Putignano. All. Piscopo A., Ass. Dentice.
Akademia Sant’Anna: Varaldo, Fabbo, Composto, Martilotti, Anselmo, Muzi (C), Quarto, Iannone, Liguori, Garofalo, Pisano, Cardoni. All. Gagliardi, Ass. Mori.
Arbitri: Mastrogiovanni e De Luca.

The following two tabs change content below.