Al via l’edizione 2015 del “Messina Sea Jazz Festival”

Locandina Messina Sea JazzLocandina Messina Sea Jazz Festival

Dal 2 al 7 giugno la città in riva allo stretto sarà protagonista dell’importante appuntamento con il “Messina Sea Jazz Festival”. Gli appassionati della musica potranno già assistere al primo evento in anteprima il 29 maggio con un concerto dedicato a Cole Porter, dal titolo “You’re the top”, diretto dal direttore d’orchestra il Maestro Antonio Ballista. Ad organizzare il festival sono il Teatro Vittorio Emanuele e l’associazione culturale Minerva in collaborazione con Accademia Filarmonica, l’Associazione Musicale Bellini, il Comune di Mesina e l’Università degli Studi di Messina. I direttori artistico e di produzione sono rispettivamente Giovanni Mazzarino e Giovanni Renzo. Quest’anno nel Messina Sea Jazz Festival si verificherà un incontro inusuale fra il genere e l’orchestra, come ha chiarito in conferenza stampa il maestro Renzo: “Sarà coinvolta in tre spettacoli. Vogliamo raggiungere un pubblico nuovo ed abbiamo unito le forze per proporre un’offerta culturale variegata”. A tal proposito il jazz è stato definito patrimonio dell’umanità dall’Unesco in quanto stile di vita che parla di solidarietà, coesione, fratellanza, confronto, scambio, condivisione. Il maestro Mazzarino ha sottolineato: “Grandissima attenzione ai giovani musicisti siciliani, un vivaio necessario per mantenere viva e rinnovare la musica jazz di cui rappresentano il futuro, insieme ai grandi nomi caratteristica fondante del festival è fare squadra e quest’anno il Teatro ha deciso di istituzionalizzare l’evento”. Grazie a diverse iniziative legate al Messina Sea Jazz Festival è possibile sostenere il Nepal, travolto recentemente dal terribile terremoto. Il programma della manifestazione, dopo il concerto del 29 maggio, entrerà nel vivo il 2 giugno con due concerti al giorno che si svolgeranno al Teatro Vittorio Emanuele e al jam session alla Marina del Nettuno. Il 2 giugno si esibiranno il Pluriverso Trio, con Cosimo Costantino al clarinetto, Antonio Magazzù al basso elettrico e Angelo Tripodo alla batteria, e il Maestro Giovanni Mazzarino con Piani Paralleli per quartetto jazz e orchestra d’archi, con il famoso trombettista Fabrizio Bosso insieme a Riccardo Fioravanti al contrabbasso, Stefano Bagnoli alla batteria accompagnata dall’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele diretta da Paolo Silvestri, per una produzione del Teatro di Messina. Il 3 giugno ci sarnno i No Game 5et con Daniela Spalletta alla voce, Claudio Giambruno ai sassofoni, Giovanni Conte al pianoforte, Giovanni Villafranca al contrabbasso, Antonio Leta alla batteria e il secondo concerto con il Dado Moroni Trio con Dado Moroni al pianoforte, Giuseppe Cucchiara al contrabbasso e Stefano Bagnoli alla batteria. Altri due imperdibili concerti sono previsti per il 4 Giugno con in apertura Umberto Capilongo Quintet con Umberto Capilongo alla chitarra, Francesco Patti al sassofono tenore, Roberto Mezzatestra al pianoforte, Giuseppe Campisi al contrabbasso e Marcello Arrabito alla batteria. Secondo concerto della serata di Javier Girotto Quartet, con Javier Girotto ai sassofoni, Dino Rubino al pianoforte, Nello Toscano al contrabbasso, Giuseppe Tringali alla batteria. Il 5 giugno Sam Mortellaro Trio feat. Nicola Caminiti, al sassofono contralto il secondo, al pianoforte il primo insieme ad Angelo Minacapilli al contrabbasso e Francesco Alessi alla batteria. A chiudere la serata “George Gershwin, una scala verso il paradiso”, fantasia rapsodica su temi di Gershwin per quartetto jazz e orchestra sinfonica arrangiata e diretta dal giovane talento messinese Cettina Donato con la partecipazione di Stefano Di Battista, Seby Burgio al pianoforte, Alberto Fidone al contrabbasso, Giuseppe Tringali alla batteria e l’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele, per una produzione del Teatro di Messina. Il 7 giugno si concluderà il Festival con una grande festa tra le due sponde dello Stretto a bordo della nave Vestfold, con “Strettamente Jazz” musica itinerante tra Scilla e Cariddi. Grazie a questi importanti artisti si prospetta un Festival di altissimo livello e quindi non ci resta che augurare un “buon ascolto” a tutti coloro che parteciperanno ai concerti e dunque si faranno traghettare, sulle bellissime note del jazz, in quest’inizio di stagione estiva messinese.

Commenta su Facebook

commenti