A Basicò verrà inaugurata la mostra permanente “L’arte dei pastori”

BarilottoBarilotto

Il 22 maggio verrà inaugurata a Basicò la mostra permanente “L’arte dei pastori” che avrà sede presso lo storico palazzo baronale dei De Maria. L’iniziativa è sostenuta dall’Associazione Amici del Museo di Messina, che ha fornito un’importante collezione che il Presidente Prof. Franz Riccobono ha raccolto negli anni, ed è stata fortemente voluta dal primo cittadino di Basicò Ing. Filippo Gullo. Lo scopo della mostra è quello di mostrare tutti queli manufatti, lignei e non, realizzati nel corso dei secoli dai pastori del territorio peloritano. Da ciò si evince che ci si trova di fronte ad un importante evento culturale che prospetta al visitatore la possibilità di ammirare oggetti, alcuni di essi ormai in disuso, la cui realizzazione è stata tramandata da padre in figlio. L’importanza culturale non è dunque soltanto da circoscrivere alla nostra provincia ma interessa una area più vasta che comprende il bacino del Mediterraneo. Non a caso alcuni oggetti hanno caratteristiche che richiamano stili compatibili con l’Africa Orientale, la Grecia, la Spagna ma anche il Trentino Alto Adige. L’Associazione Amici del Museo nel corso degli anni ha sempre cercato di far riaffiorare la cultura del nostro territorio al fine di valorizzarne il patrimonio storico, artistico e etnoantropologico. Infatti sono da ricordare altre importanti iniziative come il Museo “Giovannita” di Rodì Milici, il Museo “Rufo Ruffo” di Scaletta Zanclea e l’esposizione di antiche incisioni legate allo Stretto presso il Castello del SS. Salvatore di Messina. Sicuramente la mostra permanente di Basicò rappresenterà una meta fondamentale per tutti coloro che vogliono approfondire le origine della nostra provincia, ma sarà anche uno stimolo importante per incientivare il turismo e dunque esportare i nostri esempi di cultura. Lo spazio espositivo è stato curato da Antonello Pettignano, i testi e le didascalie sono di Marco Grassi e la conservazione dei manufatti è di Augusta Sava.

 

Commenta su Facebook

commenti