Infantino: “Ho visto un buon Messina. La voglia di vincere gli è costata cara”

Pietro InfantinoIl tecnico dell'Acireale Pietro Infantino (foto Alessandro Denaro)

E’ stato l’ex Pietro Infantino ad infliggere l’ennesimo dispiacere al Messina in questo tormentato inizio di stagione. Dopo la vittoria rocambolesca per 2-1 del “Franco Scoglio”, l’allenatore dell’Acireale ha rivolto una carezza ai giallorossi: “Dispiace per il Messina, sono molto legato a questa piazza e faccio un grosso in bocca al lupo soprattutto al mister Venuto. Questi campionati sono particolari, per tornare nel professionismo bisogna essere compatti e lavorare. Un po’ di serenità in più farebbe bene, il tempo c’è e entrambe le squadre si possono togliere grandi soddisfazioni. Se non si mettono grinta e concentrazione in D, però, si fa fatica. La qualità viene dopo, alla base devono esserci queste componenti essenziali”.

Cozzolino

Cozzolino fronteggiato da Cocimano (foto Alessandro Denaro)

Fondamentali i cambi nella ripresa, con Aloia e Gualdi determinanti per il gol-vittoria: “Il merito è dei ragazzi che sono entrati perché hanno dato freschezza. Spesso abbiamo sbagliato l’ultimo passaggio e potevamo segnare già prima, ma anche il Messina ha avuto le sue occasioni. E’ stata una partita equilibrata, nella quale siamo stati bravi a sfruttare gli uomini freschi che ripartivano con velocità, come nell’azione del 2-1. Però ritengo che il Messina non meritasse di perdere. Obiettivi? Dobbiamo lavorare su noi stessi, la squadra ha i mezzi per essere protagonista in questo campionato. Devo fare i complimenti ai ragazzi che hanno regalato una grossa soddisfazione alla società e alla piazza”.

Acireale

Esplode la festa acese

E il Messina, invece, come può ripartire? “Io ho visto un buon Messina, a cui la voglia di vincere è costata cara. Si sono scoperti e sbilanciati, consentendoci di trovarci spesso in due contro due o tre contro due. I giocatori del Messina si sono impegnati e hanno creato, però qui la pressione è tanta. Hanno elementi con grande personalità, un direttore che sa gestire questi momenti e un allenatore che stimo. Avranno dunque la forza di ripartire”.

Commenta su Facebook

commenti