Catanzaro, Zavettieri: “Gara difficilissima. Il Messina in casa vanta numeri importanti”

Nunzio Zavettieri

Messina-Catanzaro sa per entrambe di gara crocevia. In palio c’è una grossa fetta di salvezza e l’allenatore dei calabresi, Nunzio Zavettieri, mette in guardia i suoi alla vigilia della sfida del “Franco Scoglio”: “Sarà una partita difficilissima – ha detto il tecnico in conferenza stampa – contro una squadra che in casa esprime dei numeri importanti. Il Messina ha collezionato 19 punti su 24 tra le mura amiche e tre in trasferta li ha presi proprio a Catanzaro. Mi aspetto dunque una gara difficilissima, come lo era a stato Pagani e come lo sarà ancora di più domani. Siamo coscienti di questo, però mi aspetto anche un Catanzaro che sappia interpretare bene la partita”.

Mattia Maita, centrocampista del Catanzaro

“Mi preoccupa la forza del Messina – ha proseguito Zavettieri davanti ai giornalisti – il discorso del campo è relativo, per noi saprà importante approcciarla bene. Dovremo riuscire a gestire i momenti della partita che saranno determinanti per il risultato finale. Quello che conta di più saranno l’atteggiamento e la determinazione, ce ne vorrà tanta contro questo Messina”.

Mancherà l’attaccante Sarao, fermato per due turni dal Giudice sportivo. “Dispiace non averlo, veniva da un lungo periodo di inattività, aveva giocato due partite e poteva crescere a livello di condizione. Ci mancherà il suo aiutare tanto la squadra, ma ho piena fiducia in quelli che saranno a disposizione. Ci vorrà un grande Catanzaro. Questa squadra ha nelle sue corde la possibilità di interpretare più moduli e ciò è sicuramente un vantaggio”. 

Insieme allo squalificato Sarao, figurano nella lista degli indisponibili anche Leone, Campagna e Pasqualoni, tutti infortunati. Probabile il ricorso al 4-4-2, con De Lucia tra i pali, Esposito, Prestia, Patti (l’alternativa è Sirri) e Imperiale (o Sabato) a comporre il pacchetto arretrato, l’ex Zanini, il messinese Maita (insidiato da Carcione), Icardi e Mancosu a centrocampo, Gomez e Giovinco in avanti.

Commenta su Facebook

commenti